Oggi ti proponiamo di risolvere un rapido test. In psicologia esiste un gioco piuttosto famoso, il test di Watzlawick; su un foglio di carta sono disegnati nove punti, disposti esattamente come quelli della figura qui sotto.

La richiesta è estremamente semplice: bisogna unire tutti e nove i punti, senza mai staccare la penna dal foglio e con un massimo di quattro linee. Incredibilmente, non sono in molti coloro che riescono a risolvere correttamente il problema. E tu, riesci a intravedere una soluzione?

COACHING CREATIVO: ROMPERE LO SCHEMA

La chiave per risolvere questo test è l’intelligenza creativa; certo, servono alcune nozioni basilari di logica e geometria, ma l’elemento distintivo è quello creativo: dopo aver esaminato tutte le possibili soluzioni e dopo aver compreso che ci troviamo in un vicolo cieco, bisogna riuscire a rompere lo schema.

In questo caso, lo schema è il quadrato immaginario intorno ai nove punti; perché non ci hai pensato? Se fai parte di quel 70% (o 90% a seconda dello studio scientifico che ha misurato i risultati) di persone che non sono riuscite ad intravedere la soluzione, semplicemente, non sei riuscita/o a capire che il quadrato formato dai nove punti era uno schema costruito unicamente dalla tua mente: il testo del problema, infatti, non vietava di uscire dai punti.

Questo, naturalmente, vale per la vita di tutti i giorni:

  • Nessuno ha detto che i videogiochi nuocciano ai bambini, eppure molte persone “sentono” che è così
  • Molti bambini si rifiutano di fare sport (nel nostro paese, un bambino su tre è sovrappeso…) e i genitori non trovano soluzioni

Fermiamoci a questi due casi, che sono significativi e si possono applicare con successo alla vita in famiglia.

Nel primo caso, semplicemente, si fa fatica a uscire dallo schema mentale per cui il bambino e il videogioco sono “separati” dal resto della famiglia, come fossero in una bolla invisibile; se provi a giocare insieme ai tuoi bambini, scoprirai che quello stesso videogioco è in grado di costruire relazioni.

Nel secondo caso, pochi genitori riescono a capire che lo schema da forzare è l’idea che sia il bambino a dover fare sport e non la famiglia! Curiosamente, gli osservatori sanitari indicano che anche nella popolazione adulta, una persona su tre è sovrappeso o obesa. La soluzione più logica sarebbe fare sport il sabato e la domenica, genitori e figli insieme. Molti bambini e ragazzi non fanno sport semplicemente perché non sono a loro agio nel contesto sportivo extra-scolastico; ma se fossero al parco o in piscina con mamma e papà, le cose starebbero diversamente.

Questi sono due esempi di schemi mentali che avvelenano le nostre vite e che, con un pizzico di intelligenza creativa, possiamo rompere. E tu, riesci a trovare qualche altro schema da mandare in frantumi?

ESERCIZI PER ALLENARE IL PENSIERO LATERALE

A proposito, se vuoi allenare il pensiero creativo e il pensiero laterale, puoi cominciare da questi esercizi:

Ti suggeriamo, però, di non perdere troppo tempo con libri e allenamenti: non più di 15 minuti al giorno. La creatività si esercita nella vita vera!

BIBLIOGRAFIA E SITOGRAFIA

   

Pin It on Pinterest