In Finlandia, quando nasce un neonato, lo Stato regala tre libri alla sua famiglia

Sapevate che quando nasce un bambino, in Finlandia, i suoi genitori ricevono un box contenente, tra le altre cose, tre libri? Uno per la mamma, uno per il papà e uno per il bambino. Questi libri accompagneranno il bambino e i genitori nei primi anni di vita, promuovendo la cultura della lettura, ma anche quella della consapevolezza e della genitorialità.
Si tratta di una buona pratica del welfare finlandese (non a caso, le mamme in Finlandia sono tra le più felici del mondo), introdotta nel 1930: da allora, le neo-mamme ricevono un box contenente vari accessori per il neonato, come un pigiamino, un sacco per la nanna e un biberon insieme a guide e prodotti essenziali nel percorso della maternità. È possibile rinunciare al box e convertirlo in un coupon da 140€, ma il 95% delle mamme opta per il box.

A stupire, è la correlazione – che non indica causalità – tra il fatto che le neo-famiglie finlandesi ricevano tre libri in omaggio e il numero di lettori in Finlandia: questo paese è il più alfabetizzato del mondo, con una quota di lettori forti impressionante. In Italia, al contrario, una famiglia su dieci non ha neppure un libro in casa. Il 30% delle famiglie, invece, possiede una piccola libreria, con meno di 25 testi (in questa categoria rientrano potenzialmente tutti coloro che possiedono un solo volume) e i lettori forti sono una percentuale minima della popolazione.
Se vogliamo un aumento del numero di lettori nel nostro paese, occorre una politica sulla lettura seria, a cominciare dalla distribuzione gratuita dei libri ai neonati. Probabilmente, serve anche a noi un “box” come quello che ricevono le mamme finlandesi.