Di seguito puoi trovare i pilastri su cui poggia la “Scienza del Sè”. Si tratta di un elenco piuttosto corposo, ideale come punto di partenza per progettare un curricolo volto al potenziamento dell’intelligenza emotiva.

LA SCIENZA DEL SÉ

  • Essere autoconsapevoli: osservare se stessi e riconoscere i propri sentimenti; costruire un vocabolario per i sentimenti; conoscere il rapporto tra pensieri, sentimenti e reazioni;
  • Decidere personalmente: esaminare le proprie azioni e conoscerne le conseguenze; sapere se una decisione è dettata dal pensiero o dal sentimento; applicare queste idee a questioni quali il sesso e la droga;
  • Controllare i sentimenti: “colloquiare con se stessi” allo scopo di cogliere messaggi negativi come le autodenigrazioni; capire che cosa c’è dietro un sentimento (ad esempio il senso di offesa che è sotteso alla collera); trovare modi di controllare le paure e le ansie, la collera e la tristezza;
  • Controllare lo stress: imparare il valore dell’esercizio, della immaginazione guidata e dei metodi di rilassamento;
  • Essere empatici: comprendere i sentimenti e le preoccupazioni degli altri e assumere il loro punto di vista; apprezzare i diversi modi con cui le persone guardano alla realtà;
  • Comunicare: parlare dei sentimenti con efficacia; saper ascoltare e saper domandare; distinguere tra ciò che qualcuno fa o dice e le tue reazioni o i tuoi giudizi al riguardo; esporre il proprio punto di vista invece di incolpare gli altri;
  • Essere aperti: apprezzare l’apertura e costruire la fiducia in un rapporto; sapere quando si può parlare dei propri sentimenti privati senza correre rischi;
  • Essere perspicaci: identificare modelli tipici nella propria vita emotiva e nelle proprie reazioni; riconoscere modelli simili negli altri;
  • Autoaccettarsi: sentirsi orgoglioso di sé e considerarsi in una luce positiva; riconoscere i propri punti forti e le proprie debolezze; essere capaci di ridere di se stessi;
  • Essere personalmente responsabili: assumersi le responsabilità; riconoscere le conseguenze delle proprie decisioni e azioni; accettare i propri sentimenti e umori; portare a compimento gli impegni assunti (ad esempio nello studio);
  • Essere sicuri di sé: affermare i propri interessi e sentimenti senza rabbia o passività;
  • Saper entrare nella dinamica di gruppo: saper collaborare; sapere quando e come comandare e quando e come eseguire;
  • Saper risolvere i conflitti: saper affrontare lealmente gli altri ragazzi, i genitori, gli insegnanti; saper negoziare i compromessi in maniera che ambo le parti restino soddisfatte.

Ricordati che non occorre dedicare ore specifiche alla Scienza del Sè. Come insegna Daniel Goleman, è possibile progettare delle lezioni di educazione emotiva cammuffata, utilizzando le discipline tradizionali come motori capaci di generare un percorso emotivo: ne abbiamo parlato in questo articolo.

FONTI

  • D. Goleman, Intelligenza emotiva, BUR, 2011
  • Karen F. Stone e Harold Q. Dillehunt, “Self Science: The Subiect Is Me”, Santa Monica, Goodyear Publishing Co., 1978.

Pin It on Pinterest