La parola giapponese saisei significa rinascita: che vocabolo meraviglioso. Spinti dai colori della primavera e da primule e ciclamini ormai sfioriti, abbiamo provato a portare questa rinascita su carta. È nato un semplice “laboratorio saisei”, una sperimentazione a base di pittura naturale e di fantasia.

LABORATORIO SAISEI: ISTRUZIONI

Il laboratorio saisei si realizza con i seguenti materiali:

  • fiori sfioriti;
  • cartoncino bianco quadrato;
  • martello o altro oggetto per pestare i fiori (potresti usare un batticarne, un barattolo pieno o qualsiasi altro oggetto pesante);
  • tovaglietta per proteggere il tavolo;
  • foglio di carta bianco.

Per cominciare, dovrai prendere un foglio di cartoncino di formato quadrato:

Disponi i fiori recisi in modo tale da formare una composizione. Noi abbiamo provato così:

Copri i fiori con un foglio di carta o con un tovagliolo, poi pestali con il martello o il batticarne. Sollevando il foglio con cui li hai protetti, i fiori dovrebbero essere pestati più o meno così:

Rimuovi delicatamente i fiori dal foglio. Scoprirai che i loro pigmenti colorati sono passati sul foglio, come acquerelli naturali. Questa è la nostra magica composizione:

E adesso, è il momento di dare un tocco saisei alla composizione: con i pennarelli abbiamo incorniciato e decorato gli acquerelli naturali.

Attraverso il saisei è possibile dare nuova vita ai fiori appassiti. La vita, lungo il suo ciclo, incontra l’arte e la creatività dell’animo umano: è da questo incontro che nasce la bellezza.

Pin It on Pinterest