In uno dei nostri articoli abbiamo parlato della differenza tra autostima e fiducia in se stessi, ovvero di un concetto sottile ma molto importante nei processi educativi. Autostima e fiducia in se stessi sono stati rappresentati con una metafora significativa: quella dell’albero.
Nella metafora dell’albero, la chioma rappresenta la fiducia in se stessi, ovvero ciò che gli altri vedono di noi. L’autostima, invece, è rappresentata dalle radici: invisibili agli occhi, sono l’organo fondamentale per procurare all’albero i nutrimenti di cui ha bisogno, permettendogli di crescere bene.

Fonte: J. Alexander, Il nuovo metodo danese, BUR, 2018

Ma cosa succede se la chioma è folta e le radici al contrario sono atrofiche? L’albero rischia di essere sradicato e abbattuto alla prima raffica di vento. Questo è il caso delle persone che hanno una grande fiducia in se stesse ma la cui autostima è fragile: di fronte a un trauma o ad una sconfitta, rischiano di essere trascinate a picco. Autostima e fiducia in se stessi devono essere in equilibrio tra loro.

 

LABORATORIO DI EDUCAZIONE CREATIVA©

 

Per analizzare i due concetti di cui abbiamo parlato, ti proponiamo un esercizio di focalizzazione e visualizzazione. Abbiamo realizzato un albero dell’autostima e della fiducia in se stessi da colorare. Se preferisci, puoi disegnare il tuo albero o utilizzare uno dei nostri disegni di alberi; non c’è alcuna differenza.

Clicca qui per stamparlo.

Ecco come procedere:

  • Colora l’albero;
  • mentre colori, pensa alle parole con cui potresti descrivere il tuo gradi di fiducia in te stessa/o;
  • annotale ai margini della chioma;
  • adesso pensa alle parole con cui potresti descrivere la tua autostima;
  • annotale ai margini delle radici.

Che albero hai realizzato? Le annotazioni intorno alla chioma e quelle intorno alle radici sono in equilibrio? Sono tante o poche?

Se stai cercando altri laboratori per stimolare l’autostima in famiglia o in classe, ti suggeriamo di leggere anche il laboratorio della fiducia e quello dell’autostima.

 

FONTI

Pin It on Pinterest