×
doodle Cuorfolletto Torna alla home I nostri libri Schede didattiche Storie Disegni da colorare Feste e giornate Filastrocche Giochi Lavoretti Libro dei nomi Educazione positiva Corsi Chi siamo Contatti Privacy policy

LE LUCCIOLE SONO IN PERICOLO

Hai mai ammirato lo spettacolo estivo delle lucciole? Purtroppo, le lucciole sono state decimate a causa dell’uomo: nelle aree urbane ormai sono un ricordo e anche nelle campagne se ne trovano sempre meno. Sì: dagli anni sessanta ad oggi, la popolazione mondiale di lucciole si è più che dimezzata. Se continuiamo di questo passo, i nostri nipoti non potranno mai ammirare lo spettacolo notturno delle lucciole, che da sempre annunciano l’estate.
Ma quali sono le cause della sparizione delle lucciole?

  • Inquinamento luminoso: i lampiridi maschi (questo il nome di questi bizzarri coleotteri) emettono una luce naturale per attirare le femmine; a causa dell’inquinamento luminoso le femmine non sono più in grado di individuare i maschi. In questo modo si riduce drasticamente il numero di uova deposte;
  • Uso di pesticidi: in tutte le aree agricole si utilizzano lumachicidi in grande quantità, per sbarazzarsi di chiocciole e lumache; purtroppo, le larve di lucciola si nutrono proprio di lumache e questi veleni le privano della loro fonte di cibo naturale;
  • Distruzione degli ambienti naturali: cementificazione, urbanizzazione e industrializzazione stanno privando le lucciole dei loro habitat naturali, che devono essere umidi e ricchi di vegetazione.

Il 6 e il 7 luglio si celebra in tutto il mondo il “World Firefly Day”: una giornata per riflettere sulla bellezza delle lucciole e per prendere coscienza del fatto che solo noi possiamo salvare questa famiglia di insetti.

CURIOSITÀ: sapevi che il termine inglese con cui si indicano le lucciole è firefly (plurale: fireflies)? Il nome, che letteralmente significa “mosche di fuoco” è legato alle emissioni luminose e intermittenti delle lucciole, simili alla luce del fuoco che brucia in un caminetto.

Iscrivetevi alla Newsletter o al canale Telegram per ricevere gli ultimi aggiornamenti dal sito.