Nel nostro MINI-SAGGIO sulla resilienza abbiamo citato alcune letture che possono aiutarvi ad approfondire questa tematica.

Perché è importante documentarsi su questo tema?

Pensiamo che leggere saggi e racconti sulla resilienza ci aiuti a lavorare su ingredienti fondamentali come flessibilità, creatività e problem solving.
Resilienza non è solo una qualità fondamentale per sopravvivere alle grandi tragedie, come le guerre e la povertà, ma anche a contesti quotidiani sempre più sfidanti, in un mondo che cambia in fretta e spesso ci coglie impreparati.

A pensarla in maniera un po’ fumettistica, la resilienza assomiglia molto a Robin, l’aiuto fidato di Batman che lo supporta silenziosamente, ma c’è sempre al momento del bisogno. Noi dovremmo riuscire a trovare questo aiuto fidato dentro di noi, prima ancora di cercare il sostegno degli affetti, che restano ugualmente una risorsa preziosa. Lasciamoci dunque ispirare da storie, spunti e riflessioni.

La lettura fa crescere, in ogni campo. Ecco dunque tre libri per adulti e tre per bambini: ve li proponiamo con l’obiettivo di approfondire questa tematica, a seconda dell’età, riflettendo in modo particolare sulle risorse da attivare. Per crescere insieme, in famiglia e al di fuori.

Per mamme e papà

Resisto dunque sono dello psicologo Pietro Trabucchi.

Il libro propone una tecnica che l’autore definisce ABCDE e che ci aiuta a prendere consapevolezza della nostra forza interiore: le reazioni di fronte a una difficoltà dipendono non solo dalla gravità dell’evento, ma anche da come noi lo percepiamo. Qui sta il nostro potere: siamo noi a scegliere il significato da attribuire a ciò che ci accade.

libri sulla resilienza trabucchi

Resilienza e creatività di Cristina Castelli, esperta in psicologia evolutiva

Si tratta di un saggio che parte dall’esperienza in contesti di vulnerabilità ed emergenza, per poi spaziare a processi più strettamente collegati all’ambito familiare. Il testo evidenzia come la creatività possa rappresentare una chiave di lettura per fare del trauma un’occasione di crescita ed esperienza di sé. In particolare l’autrice richiama Winnicott, sottolineando l’importanza del senso di continuità. Esso viene determinato in parallelo dalle relazioni significative che riusciamo a costruire con gli altri e dalle attività simboliche, spesso legate a tecniche espressive e creative come musica, teatro, pittura, fiabe e narrazioni.

Opzione B di Sheryl Sandberg, top manager di Facebook

L’autrice sostiene che molte persone che hanno vissuto un lutto credano fallacemente al “mito delle tre P”: il lutto è Personale (sono responsabile di ciò che è successo); il lutto è Pervasivo (la tristezza si propagherà in ogni dimensione della mia vita); il lutto è Permanente (il dolore non passerà).
Solo dopo aver trasposto le sue emozioni in un diario ed aver ascoltato le parole di un buon amico, Sandberg scoprirà l’opzione B. Si ricomincia, cambiando.


Per i bambini

Il Pentolino di Antonino di Isabelle Carrier

Un albo illustrato delicato e poetico che narra le avventure di Antonino, un piccolo ippopotamo a cui è capitata una disavventura: un giorno gli è caduto in testa un pentolino rosso, senza apparente ragione. Da quel momento Antonino non se ne separa mai, trasformandolo in una fonte inesauribile di risorse: serve per nutrire un gatto, per sedersi ad ascoltare la musica, persino come vaso porta fiori. Per gli amici che lo osservano è un elemento “strano … e anche inquietante”, qualcosa di cui liberarsi. Peccato che, per Antonino, non sia così semplice. Ci vorrà del tempo per imparare a a conviverci, affrontando le proprie paure. Perchè quel pentolino altro non è che un piccolo accumulo di paure, da vincere con l’affetto e la comprensione.

Il piccolo ragno tesse e tace di Eric Carle

Tutto ha inizio una mattina all’alba, quando un piccolo ragno, spinto dalle folate del vento, finisce tra i pali di un recinto, dove inizia a tessere la sua tela. Tutti gli altri animali che pian piano sopraggiungono cercano di distoglierlo dalla sua impresa ma …. Si tratta di una storia affascinante che può essere letta su più piani. Capita di non attribuire la giusta importanza alle azioni altrui o, anche, alle nostre. Un messaggio per i più piccoli, ma anche per gli adulti, che spesso non capiscono l’importanza dei tempi e delle azioni dei bambini, immersi nel loro piccolo mondo fatto di scoperte.
Eli Sottovoce di Laura Bellini

Si tratta di una collana di silent book pieni di illustrazioni evocative. La protagonista è la libellula Eli, piccolo insetto intraprendente che non si arrende mai e che spesso affronta i problemi con una soluzione creativa. Non arrendersi significa trovare nuove prospettive, nuove chiavi di lettura anche quanto le cose non vanno come vorremmo. In questo caso, a parlare sono le immagini, piene di contenuti che spesso la scrittura circoscrive ad un’interpretazione univoca. In un libro senza parole, i bambini sono incentivati a inventare significati, storie, a sentire e parlare il linguaggio delle emozioni. A capire in profondità quello che le parole non sempre possono spiegare.






a cura di Alessia de Falco