Libri sulle emozioni per bambini: quali sono i migliori?

Negli ultimi anni i libri sulle emozioni hanno vissuto un vero e proprio boom: ogni mese ne escono di nuovi e ormai ci sono decine di ottimi titoli per avvicinare i più piccoli al mondo delle emozioni. In questo articolo vi illustreremo i nostri preferiti e vi spiegheremo perché riteniamo che si debbano leggere.

Prima di cominciare, chiediamoci: ha senso scrivere di emozioni? Non sono qualcosa che fa parte di noi, che tutti già conosciamo? Niente affatto! I più recenti studi di psicologia hanno messo in evidenza l’importanza dell’intelligenza emotiva, ovvero la capacità di riconoscere e controllare le proprie emozioni e quelle di chi ci sta intorno. Si tratta di un’intelligenza che va stimolata ed allenata, tanto da piccoli quanto da adulti. Ecco perché è una buona cosa sedersi sul divano e leggere insieme uno di questi libri.

Libri sulle emozioni per i più piccoli (età 3-5)



I colori delle emozioni

di Anna Lenas

Un grande classico della letteratura per l’infanzia, I colori delle emozioni, edito da Gribaudo, è un simpatico albo pop-up in cui le varie emozioni sono rappresentate ricorrendo ai colori. Il primo elemento che cattura l’attenzione è sicuramente quello grafico: le illustrazioni sono semplici ma di grandissimo effetto e i mostriciattoli rimarranno impressi a lungo nei bei ricordi dei bambini. La versione pop-up, poi, trasforma l’albo in un gioco animato!

libri sulle emozioni per bambini

Il mostro dei colori non è molto bravo a riconoscere le sue emozioni, ma grazie alla guida di una bimba riuscirà ad associare ogni emozione al suo colore. Questo albo è il compagno perfetto per chi vuole iniziare con i propri bimbi un percorso sulle emozioni, provando a descriverle e a farne esperienza attraverso l’arte. Introduce il tema dei colori delle emozioni, associazione tanto semplice quanto potente, a patto di non renderla limitante.

Che rabbia

di Mireille D’Allancé

Che rabbia è una vera e propria icona tra gli albi illustrati; è una storia per imparare a conoscere le emozioni, ma anche a controllarle. Avete mai visto la Cosa rossa? Una creatura fiammante, che assomiglia ad un grosso scimmione, e che si scatena quando il piccolo Roberto si arrabbia. Sembra inarrestabile e pronta a scatenare il caos, ma Roberto, nel corso del libro, imparerà che è possibile controllare la propria rabbia fino a rinchiuderla in una scatola.

Qualcuno si è opposto al messaggio educativo del libro, evidenziando l’errore di insegnare a controllare e reprimere le proprie emozioni. Secondo noi, invece, è una metafora grandiosa, è un modo di parlare dritti al cuore dei bambini, rassicurandoli: le emozioni possono essere forti, ma noi lo siamo senz’altro di più. Consigliatissimo!

Un mare di tristezza

di Lorenzo Clerici, Anna Iudica e Chiara Vignocchi

Un libro sulla tristezza, uno dei pochissimi; anche per questo lo riteniamo un libro “coraggioso”, che merita la lettura. Del resto, se parliamo di emozioni non dobbiamo cadere nel tranello di considerare solo quelle positive.

Un mare di tristezza racconta la storia di un pesciolino triste, che decide di fare una bella nuotata per rallegrarsi. Tuttavia, sulla sua strada incontra solo pesci tristi, mesti e giù di morale. Questo finché una tartaruga gli fa notare che, forse, basterebbe guardare le cose da un’altra prospettiva. Basta infatti capovolgere l’albo ed ecco che a ciascun pesce spunta un bel sorriso.

Emozioni

di Mies van Hout

Un libro tutto nero, con tanti, tanti pesciolini. Sono meravigliosi, tratteggiati a matita, proprio come piace ai bambini. Per ciascun pesciolino, nella pagina accanto, troviamo il nome dell’emozione corrispondente. Nella sua semplicità essenziale, troviamo tutti gli elementi per trasformarlo in un compagno d’infanzia dei bambini: è un libro che si presenta come una specie di enciclopedia; è un bestiario, pieno di pesci fantastici. E’ colorato, allegro, è un libro che si prende alla leggere ma che cattura l’attenzione. E c’è di più: è un libro per imparare a dare forma alle proprie emozioni, in modo naturale e divertente.

Libri sulle emozioni per bambini grandi e grandi bambini (età 6-11)

Con l’ingresso alla scuola primaria, i bambini entrano nel mondo della socialità e delle avventure. Rispetto ai primi anni di vita, in cui il mondo è filtrato da mamma e papà, comincia ad affermarsi l’importanza dell’autonomia. Anche i libri dovrebbero modificarsi di conseguenza, e anche il rapporto con le emozioni.

In questa fascia d’età, secondo noi, i libri migliori sono quelli che stimolano l’inconscio dei bambini, quelli che mettono in moto le energie interiori che serviranno a definire e plasmare l’intelligenza emotiva. Superando i conflitti interiori attraverso la lettura, i bambini acquisteranno un’emotività sana. Un esempio eccellente sono le fiabe dei fratelli Grimm.

Quindi, non ha più senso parlare di libri sulle emozioni veri e propri: si entra nel mondo della narrativa per bambini, Se però volete un consiglio di lettura, un titolo che secondo noi fa bene ai bambini, vi suggeriamo La zuppa dell’orco. Oltre ad aver vinto il Premio Andersen 2017, si tratta di un esempio di come le fiabe classiche, anche attraverso l’elemento grottesco, quasi noir, riescono ad attirare i piccoli lettori e a stimolarli in profondità, su più livelli.

a cura di Matteo Princivalle