×
doodle Cuorfolletto Torna alla home I nostri libri Schede didattiche Storie Disegni da colorare Feste e giornate Filastrocche Giochi Lavoretti Libro dei nomi Educazione positiva Corsi Chi siamo Contatti Privacy policy

NON ESISTONO BAMBINI DIFFICILI, MA SOLO DINAMICHE SBAGLIATE

Uno dei concetti che più ci hanno colpito nella lettura de “Il nuovo metodo danese per educare i bambini alla felicità a scuola e in famiglia” è legato ai bambini difficili. L’autrice, spiegando l’approccio danese al bullismo, afferma che non esistono bambini difficili, ma solo dinamiche di gruppo sbagliate.

Noi partiamo dal presupposto che ogni bambino e ogni genitore facciano del proprio meglio, dice Lotte Madsen, vicepreside della Absalon Skole a Roskilde. Se si assume con convinzione questo punto di vista si riesce a non giudicare male nessuno, e a cercare di capire perché alcuni bambini scelgono di comportarsi in un certo modo in quel dato momento o in quella circostanza. 
I danesi non si limitano insomma a considerare il gesto in sé, ma tentano di comprendere e analizzare il sentimento che c’è dietro. Solo incontrando il bambino in questo modo si può riuscire a lavorare con lui. 
Come ha detto Søren Kierkegaard: Se si vuole riuscire a portare qualcuno in un posto, prima di tutto e soprattutto bisogna preoccuparci di trovarlo dov’è, e cominciare da lì“.

Si tratta di un principio di grande valore. Tutti i bambini, infatti, desiderano amore e stima; alcuni, tuttavia, traducono questo desiderio in azioni sbagliate. Per aiutarli a cambiare davvero, è necessario superare la barriera del giudizio e quella del pregiudizio: dobbiamo metterci in ascolto, osservare e comprendere. Vinciamo il pregiudizio del “bambino difficile” e soprattutto il pregiudizio del “bambino cattivo”.

Nelle classi danesi, gli insegnanti aiutano questi bambini analizzando attentamente le dinamiche di classe (utilizzando i sociogrammi come strumento guida) e attraverso dei momenti di discussione collettiva in cui i ragazzi espongono al gruppo i problemi del gruppo.

FONTI

Iscrivetevi alla Newsletter o al canale Telegram per ricevere gli ultimi aggiornamenti dal sito.