perché le api hanno il pungiglione

Tanto tempo fa, quando gli uomini erano ancora amici della natura e degli animali, chiesero qualcosa di dolce al loro Creatore e lui mandò sulla Terra le api, perché producessero il miele e ne donassero un poco anche agli uomini. A quel tempo le api non avevano ancora il pungiglione.

Le api costruirono un alveare tra i rami di un albero. Vedendo l’alveare ricoperto di miele, gli uomini chiesero alle api: “Possiamo assaggiare un po’ del vostro miele?”, e le api offrirono a ciascuno un po’ del loro dolce nettare.
Il miele piacque moltissimo agli uomini, che tornarono dalle api chiedendo: “Potremmo averne ancora un poco?”. Le api non avevano più miele e chiesero aiuto al loro Creatore. Lui mandò sulla terra i fiori, perché producessero il polline. Grazie al polline, le api costruirono alveari più grandi e fabbricarono molto più miele.

Quando gli uomini tornarono da loro, le api consegnarono a ciascuno un intero vaso pieno di miele. Anche questa volta, gli uomini divorarono il miele, poi tornarono dalle api chiedendone ancora.
“Non possiamo fare altro miele, non c’è più polline”.
Gli uomini chiesero ai fiori di produrre altro polline.
“Non possiamo fare altro polline, dovrete aspettare la primavera”.

Gli uomini infuriati calpestarono i fiori, poi distrussero l’alveare, scacciarono le api a bastonate e rubarono il poco miele che era rimasto all’interno, il miele che le api avevano messo da parte per sopravvivere all’inverno.
Ferite e senza casa, le api volarono infuriate dal Creatore, per chiedere aiuto. Anche il Creatore era molto deluso dal comportamento degli uomini e aiutò le api, facendo crescere un cespuglio di rovi intorno all’alveare distrutto. Le api mangiarono i fiori del rovo e crebbe loro un pungiglione affilato e velenoso, poi ricostruirono l’alveare.

Qualche tempo dopo, gli uomini stavano camminando tra i boschi quando videro l’alveare tra i rami. Pensando che ci fosse altro miele, si avvicinarono, ma questa volta le api sciamarono fuori dalla loro casa e attaccarono gli uomini con i propri pungiglioni, ferendoli e scacciandoli.
Da quel giorno gli uomini trattano le api con rispetto e le api aspettano che gli uomini tornino ad essere quelli di un tempo.

AUDIOFIABA

 

Pin It on Pinterest