×
doodle Cuorfolletto Torna alla home I nostri libri Schede didattiche Storie Disegni da colorare Feste e giornate Filastrocche Giochi Lavoretti Libro dei nomi Educazione positiva Corsi Chi siamo Contatti Privacy policy

Il sonno è fondamentale per i bambini

sonno bambini

Garantire ai bambini un corretto ciclo sonno-veglia è un passaggio fondamentale per uno sviluppo corretto ed equilibrato. Al contrario, il sonno irregolare è spesso alla base di disturbi del comportamento nel bambino e di un clima familiare deteriorato.

La mancanza di sonno genera disturbi del comportamento

Nel corso della prima infanzia il cervello si sviluppa moltissimo e il sonno incide proprio su questo sviluppo. Uno studio dello University College di Londra (Changes in Bedtime Schedules and Behavioral Difficulties in 7 Year Old Children, che potete scaricare e leggere gratuitamente, in lingua inglese) condotto su oltre 10 mila bambini ha rivelato che la carenza di sonno e il sonno irregolare è correlato ad un maggior rischio di sviluppare disturbi del comportamento. Lo studio ha analizzato le abitudini del sonno all’età di 3, 5 ed infine 7 anni, verificando l’importanza cruciale di un sonno regolare durante tutto l’arco dello sviluppo.

Questo significa che per mamma e papà, garantire le giuste ore di sonno ai propri bimbi è fondamentale, per il loro benessere e per lo sviluppo futuro. Allo stesso tempo, il sonno deve essere regolare, alternato tra quello notturno e il riposino pomeridiano.

Quanto devono dormire i bambini?

  • 12-14 ore tra 1 e 3 anni
  • 11-13 ore tra 3 e 5 anni
  • 10-11 ore tra 5 e 12 anni
  • 9 ore > 12 anni

Fonte: Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale

Suggerimenti per un sonno regolare

Spesso il problema del sonno irregolare è dovuto ad una cattiva gestione della routine familiare. La soluzione migliore è quella di cenare tutti insieme, prepararsi alla nanna, magari leggendo una fiaba insieme o trascorrendo un po’ di tempo insieme e poi, dolcemente, rimboccarsi la coperta e dormire.

10-11 ore di sonno significa che per un bambino alla scuola primaria, un buon orario (minimo, cioè rispettando le 10 ore) potrebbe essere: nanna entro le 21:00, risveglio alle 7:00. Per quanto difficile, saremo noi adulti a dover garantire questo ciclo al piccolo, anche a costo di qualche sacrificio, così come garantiamo il pranzo e la cena; del resto, si tratta di un bisogno essenziale (e non accessorio, come potrebbe essere festeggiare un compleanno o frequentare un club sportivo).

Si può dire dunque che, di fronte a un bambino che dorme in modo irregolare, la responsabilità sia dei genitori? Sì. Pur riconoscendo che spesso la situazione non è semplice. Ricordiamo anche che prima di andare a dormire, tv e videogiochi sono assolutamente da evitare. Se quest’abitudine è già radicata, andrà gradualmente eliminata. Molto meglio trascorrere un momento di condivisione parlando di quel che è successo durante la giornata, leggendo un libro o raccontando una storia.

E se proprio non si riesce? In questi casi, è fondamentale non sottovalutare il problema e consultare uno specialista, esattamente come si farebbe di fronte ad un bambino che non mangia da giorni. Con tutta probabilità, il problema si risolverà nel migliore dei modi!

Iscrivetevi alla Newsletter o al canale Telegram per ricevere gli ultimi aggiornamenti dal sito.