Filastrocche sulla primavera

Scoprite tante filastrocche sulla primavera in questa sezione di filastrocche.

LEGGETE ANCHE: Poesie sulla primavera – Storie e leggende di primavera (con audiofiabe) – Filastrocche sui fioriFilastrocche sugli alberi

🌸 Indice delle filastrocche sulla primavera

  1. Filastrocca di primavera (testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle)
  2. L’erba brilla (testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle)
  3. Filastrocca verde speranza (testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle)
  4. Filastrocca del dente di leone (testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle)
  5. Benvenuta primavera (testo di: Monica Sorti)
  6. La gemma frettolosa (testo di: Monica Sorti)
  7. La primavera (testo di: Maria Minniti)
  8. Rugiada e Brina (testo di: Monica Sorti)
  9. Bentornata primavera (testo di: Patrizia Mauro)
  10. Fragola rossa (testo di: Antonella Berti)
  11. Primavera (testo di: Antonella Berti)
  12. Son nati i pulcini (testo di: Francesco Paolo Marucci)
  13. Primavera (testo di: Erika Porro)
  14. È primavera (testo di: Federica Schiano)
  15. Primavera (testo di: Elena Milillo)
  16. Primavera (testo di: Silvia Buda)
  17. Primavera vien danzando (testo di: Angiolo Silvio Novaro)
  18. Signor inverno e signora primavera (testo di: Vivian Lamarque)
  19. Il filino verdolino (testo di: Vivian Lamarque)
  20. Rami di pesco (testo di: Ada Negri)
  21. Le prime violette (testo di: Ada Negri)
  22. Filastrocca di primavera (testo di: Gianni Rodari)

🌸 Filastrocche sulla primavera

🌹 I testi di portalebambini.it

🌼 Filastrocca di primavera

Alessia de Falco & Matteo Princivalle

Filastrocca di primavera
sboccia la primula nella fioriera.
I raggi del Sole scaldan la Terra:
crescon le fragole dentro la serra,
le margherite tra l’erba del prato,
gli anemoni viola nel bosco gelato.
È primavera, quanta bellezza:
riscalda il cuore, con la sua dolce brezza.

🌼 L’erba brilla

Testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle

L’erba brilla come smeraldo,
il Sole giallo ci tiene al caldo.
Sbocciano le gemme, nascono i fiori
Dalle tane gli animali vengono fuori.
Torna la vita dall’alba alla sera:
ecco, è arrivata la primavera.

🌼 Filastrocca verde speranza

Testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle

Filastrocca verde speranza:
oggi ho visto una gemma che danza.
Spuntava piccina dal suolo gelato,
con le sue foglioline mi ha salutato.
Sembrava già morta la sua pianticella,
e invece è rinata, ancora più bella.

🌼 Filastrocca del dente di leone

Testo di: Alessia de Falco & Matteo Princivalle

Filastrocca del dente di leone
che rifletteva con preoccupazione:
“Sono così bello e giallo,
come l’oro, il prezioso metallo.
Ma quando i miei petali saranno appassiti
che fine faranno i miei semi striminziti?”
Voglio che nascano principi e re,
che vedano il mondo, bello com’è.
Il fiore chiese aiuto alla Primavera
appena tornata da una crociera:
lei gli diede una magica pozione
e per incanto lo trasformò in un soffione.
Da allora i suoi semi come una brigata
volano nei campi con ali di fata.

🌼Benvenuta primavera

Testo di: Monica Sorti

La Fatina delle Piante
svolge un compito importante
perché lei, al momento giusto,
arriva e fa toc-toc sul fusto.
Dice con aria severa:
“E’ già quasi primavera
e i tuoi rami sono spogli,
con pochissimi germogli.
Piano, piano, lemme lemme,
devo metterti le gemme,
cresceranno e dai gonfiori
spunteranno foglie e fiori,
e con l’estate e la calura
ci sarà frutta matura”.
Ma le piante, tutte in coro,
gridano: “Che gran lavoro.
Ma lo sai, cara Fatina,
che era meglio con la brina?
Dormivamo notte e giorno,
nessun uccellino intorno
ci svegliava col suo grido,
su di noi faceva il nido”.
“Care piante brontolone,
ora è giunta la stagione
in cui la natura impera:
Benvenuta Primavera!”.

🌼 La gemma frettolosa

Monica Sorti

Anche se è Inverno è una calda giornata,
vola felice sul bosco una Fata,
quando d’un tratto una piccola gemma
le pone insistente il seguente dilemma:
“Tu che sai tutto dei mondi e dei cieli,
mi serve che ora una cosa mi sveli.
Secondo te, non è giunto il momento
di esser baciata dal sole e dal vento?
E’ dall’autunno che sto qui nascosta,
quindi ti faccio questa proposta:
schiudimi ora, il mio involucro togli,
porta alla luce i miei nuovi germogli”.
“Anche se oggi è una calda giornata”,
dice danzando nell’aria la Fata,
“queste son bizze del clima moderno,
ma non è certo finito l’Inverno.
Quindi ricorda, c’è un tempo per tutto,
e se lo rispetti sarai un bel frutto.
Ma per frenare la tua irruenza
ti spruzzo addosso un po’ di pazienza,
così in Primavera sarai Inno alla Vita,
diventando una splendida gemma fiorita”.

🌼 La primavera

Testo di: Maria Minniti

Arriva una bambina
allegra e birichina,
con i capelli biondi
e gli occhi assai giocondi.
Indossa un vestitino
di color turchino
e ha delle scarpette
color delle violette.
Sapete dirmi, gente
chi è quella bambina
allegra e birichina?
Lei è la Primavera,
che arriva tutta fiera
e dietro c’è la scia
d’ Inverno che va via,
davanti le si apre
la porta dell’Estate!

🌼 Rugiada e Brina

Testo di: Monica Sorti

Disse il vecchio Gufo,
svegliandosi una mattina,
“Oibò! Cos’è successo?
Non vedo Rugiada e Brina!”.
Al che la Talpa miope,
che non scorgeva oltre il suo naso,
rispose: “Stanno in giro,
ma tu non ci fai caso”.
Finchè arrivò pian piano
la saggia tartaruga,
portando sul suo guscio
un grosso ceppo di lattuga.
“Le ho viste io in cammino,
son partite ieri sera,
per lasciar giardini e prati
alla Fata Primavera”.

🌼 Bentornata primavera

Patrizia Mauro 

Che graziosa primavera
con il suo cesto di fiori
delicati, profumati,
un trionfo di colori!
Con il passo e il cuor leggero
attraversa valli e prati
salutando gli animali
dal letargo risvegliati.
Rondinelle fanno a gara
tra le nuvole azzurrine,
dai ruscelli vanno al mare
le sorgenti cristalline.
Un sorriso ci rallegra
ricordando che, in eterno,
torna a splendere il sereno
dopo un freddo, lungo inverno.

🌼 Fragola rossa

Testo di: Antonella Berti

Fragola rossa, neri i puntini
tu piaci molto a grandi e piccini,
buona intinta nella cioccolata,
o nel bicchiere con panna montata.
Sopra le torte, rossi pallini,
in macedonia a pezzettini.
Ti mangerei da mattina a sera,
ma la tua stagione è la primavera!

🌼 Primavera

Testo di: Antonella Berti

Ecco fata primavera
fa magie da mane a sera
per fare nascere bei fiori
dai bellissimi colori!
Manto ampio e iridescente,
chioma morbida e fluente,
lei tra i prati s’incammina
con inceder da regina !
Mentre va di fiore in fiore
sorridendo con amore,
la sua voce melodiosa,
tra una dalia ed una rosa,
recita una cantilena
che si sente a malapena:
“Terra, acqua, tanto Sole,
Ecco quello che ci vuole
Per coprir di verde il mondo,
wow, che bello, che stupendo”.

🌼 Son nati i pulcini

Testo di: Francesco Paolo Marucci

Niente nuvole
nel cielo azzurro
ma un sole caldo
che scalda le mura
della fattoria.
Ma nel pollaio
la chioccia Coccodè
canta felice e incantata
son nati i pulcini
piccini e tutti gialli.
Nella paglia del loro nido
muovono i primi passi
e fanno pio pio
Imitando la mammina.
Ora scendono dal nido
pianin pianino
si rincorrono nel praticello
pigolando e svolazzando
poi si fermano incantati.
La chioccia per loro
ha trovato un vernino
cocco coccodè
e loro cip cip, cip cip
mentre una foglia
pare un ombrello
nati alla vita ma che bello.

🌼 Primavera

Testo di: Erika Porro

Tutti noi potremmo imparare
come poterci migliorare
da ogni piccolo fiorellino
che non compete con il vicino:
nessuna gara vuole fare,
ma si concentra solo a sbocciare.
Anche dopo l’inverno più ghiacciato
si ravviva ogni pianta nel prato;
le rondini annunciano la primavera:
con l’augurio di una serena atmosfera.
Anche dopo una salita dura
proviamo a fare come la natura:
al nostro passo, senza fretta
ognuno di noi raggiungerà la vetta;
se speranza in cuore avremo
con il tempo fioriremo.

🌼 È primavera

Testo di: Federica Schiano

È primavera
Si sta svegliando la natura
Si riempie di animali la radura.
Cracracra fa la rana
Esce il riccio dalla tana.
Lo scoiattolo dal suo albero alto
Saluta le marmotte con un salto.
L’orso non più infreddolito
Annuncia a tutti che il letargo è finito!

🌼 Primavera

Testo di: Elena Milillo

O dolce primavera,
ti aspetto ogni sera nel mio lettino,
con occhi da bambino.
Quando mi addormento,
un grande fremito sento
e su un cavallo dorato,
mi ritrovo catapultato.
Il primo sole ci accarezza
e lo fa con tanta gentilezza.
Ci spostiamo a grande velocità,
godendo di uno sfondo segnato
da tante particolarità.
Il verde, l’azzurro e il rosso
fan da trampolino
e tanto contento è il mio cuoricino.
Il giallo impetuoso colora il resto
e lo fa a passo lesto.
I suoni della natura son ritornati
e sprizzano allegria
cosi abbracciati.
In questa cornice immacolata
la mia mente è volata,
presto mi risveglierò
e sognar di lei, sempre saprò.

🌼 Primavera

Testo di: Silvia Buda

Primavera dai mille colori,
in ogni prato sbocciano fiori,
margherite e tulipani
nell’aiuola son sovrani.
Vola un’ape sulla rosa,
succhia il nettare, poi si riposa.
Primavera, ti ho sognata,
finalmente sei arrivata!

🌹 Classici in rima

🌼 Primavera vien danzando

Testo di: Angiolo Silvio Novaro

Primavera vien danzando
vien danzando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Ghirlandette di farfalle,
campanelle di vilucchi,
quali azzurre, quali gialle;
e poi rose, a fasci e a mucchi.
E l’estate vien cantando,
vien cantando alla tua porta:
Sai tu dirmi che ti porta?
Un cestel di bionde pesche
vellutate, appena tocche,
e ciliegie lustre e fresche,
ben divise a mazzi e a ciocche.
Vien l’autunno sospirando,
sospirando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Qualche bacca porporina,
nidi vuoti, rame spoglie,
e tre gocciole di brina,
e un pugnel di foglie morte.
E l’inverno vien tremando,
vien tremando alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Un fastell d’aridi ciocchi,
un fringuello irrigidito;
e poi neve neve a fiocchi
e ghiacciuoli grossi un dito.
La tua mamma vien ridendo,
vien ridendo alla tua porta.
Sai tu dirmi che ti porta?
Il suo vivo e rosso cuore,
e lo colloca ai tuoi piedi,
con in mezzo ritto un fiore:
Ma tu dormi e non lo vedi!

🌼 Signor Inverno e Signora Primavera

Testo di: Vivian Lamarque

Signor Inverno, che cosa fai?
Quante valigie! Già te ne vai?
Sì, in una piego il Natale per bene,
in un’altra infilo il ghiaccio e la neve,
in un’altra metto influenze e bronchiti,
in questo zainetto trecento starnuti.
E quella signora che arriva laggiù?.
Signora Primavera è quella signora:
la sua valigia è leggera leggera,
è piena di erbetta e di pratoline
e di circa mille margheritine.
Le cedo il posto con un inchino:
farà del mondo un verde giardino.

🌼 Il filino verdolino

di Vivian Lamarque

Guarda guarda!
Grande festa nel prato:
un Filino d’Erba nuovo nuovo
questa notte è spuntato.

Si riconosce, è piccolino:
l’hanno chiamato Verdolino.
Trema un po’, è spaventato;
lo difenderà un Maggiolino del prato.

“Non temere, ti starò a vegliare,
non ti lascerò calpestare”.
“Grazie mille di starmi vicino”,
risponde felice Verdolino.

🌼 Rami di pesco

di Ada Negri

Ferma al quadrivio, mentre piove e spiove
sotto l’aspro alternar delle ventate
chiaccianti come fruste sulle facce
di chi va, di chi viene, una vecchietta
vende rami di pesco.
O primavera
per pochi soldi! O riso, o tremolìo
di stelle rosee su bagnate pietre!

Scompare agli occhi miei la strada urbana
con fango e folla e strider di convogli
sulle rotaie, e saettar nemico
d’automobili in corsa. Ecco, e in un campo
mi trovo: è verde, di frumento appena
sorto dal suolo: pioppi e gelsi intorno
con la promessa delle fronde al sommo
dei rami avvolti in una nebbia d’oro:
e peschi: oh, lievi, oh, gracili, d’un rosa
che non è della terra: ch’è di tuniche
d’angeli, scesi a benedire i primi
germogli, e pronti, a un alito di brezza,
a rivolar da nube a nube in cielo.

🌼 Le prime violette

di Ada Negri

Anche quest’ anno andrai per le violette
lungo le prode, nel febbraio acerbo.
Quelle pallide, sai, che han tanto freddo,
ma spuntano lo stesso, appena sciolte
l’ultime nevi; e fra uno scroscio e un raggio
ti dicono: «Domani è primavera!».
Una voce ti chiama alla campagna:
e vai; e i piedi ti diventan ali,
sì: alta è la promessa ch’è nell’aria.

🌼 Filastrocca di Primavera

Testo di: Gianni Rodari

Filastrocca di primavera
più lungo è il giorno, più dolce la sera.
Domani forse tra l’erbetta
spunterà la prima violetta.
O prima viola fresca e nuova
beato il primo che ti trova,
il tuo profumo gli dirà,
la primavera è giunta, è qua.
Gli altri signori non lo sanno
e ancora in inverno si crederanno:
magari persone di riguardo,
ma il loro calendario va in ritardo.