Il settore secondario

Per scaricare il file PDF stampabile con le nostre schede (e le verifiche) sul settore secondariocliccate qui.

il settore secondario scuola primaria

IL SETTORE SECONDARIO è uno dei tre settori principali dell’economia. Il settore secondario comprende le attività attraverso cui le materie prime vengono lavorate e trasformate, cioè l’industria e l’artigianato.

Ad esempio, abbattendo un albero (attività del settore primario) si ricava del legno grezzo che viene trasformato in mobili da un falegname o dall’industria del mobile (attività del settore secondario).

Se la lavorazione delle materie prime è fatta a mano o utilizzando attrezzi (come martelli, coltelli, etc.) prende il nome di artigianato.
Se la lavorazione delle materie prime impiega macchinari meccanici ed elettronici prende il nome di industria.

Esistono moltissime attività industriali differenti. Le principali sono:

  1. Industria alimentare
  2. Industria metallurgica e siderurgica
  3. Industria metalmeccanica
  4. Industria tessile
  5. Industria elettronica
  6. Industria chimica
  7. Industria farmaceutica
  8. Industria manifatturiera
  9. Industria delle costruzioni (edilizia)
  10. Industria del mobile

Che differenza c’è tra un artigiano e un’attività industriale? L’artigiano lavora a mano, producendo un numero ridotto di pezzi unici. L’industria, grazie alle macchine, produce in serie, realizzando un numero elevato di pezzi tutti uguali tra loro.

VERIFICA SUL SETTORE SECONDARIO

verifica sul settore secondario scuola primaria

Quale tra queste attività non fa parte del settore secondario? Sottolineala

1. Industria del mobile
2. Industria chimica
3. Artigianato
4. Agricoltura

Che cos’è il settore secondario?
………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………

Il settore secondario comprende l’industria e la pesca.
VERO FALSO

Un artigiano produce molti più oggetti di un’industria.
VERO FALSO

Scrivi tutte le attività industriali che ricordi.
………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………
………………………………………………………………………………………