LEGGERE AI BAMBINI PICCOLI LI AIUTA A SVILUPPARE IL LINGUAGGIO

Leggere ai bambini fa bene. Ma se dovessimo quantificare gli effetti benefici delle letture quotidiane, che risultati otterremmo?

Il Professor James Law dell’Università di Newcastle ha coordinato una ricerca per analizzare gli effetti benefici della lettura sui bambini al di sotto dei cinque anni di età. La ricerca si è concentrata sull’analisi dei principali studi sulla lettura condotti negli ultimi 40 anni, al fine di verificarne l’attendibilità e misurarne gli effetti in modo sistematico e preciso.

I risultati hanno lasciato tutti a bocca aperta: i bambini ai quali genitori e educatori leggono frequentemente hanno un vantaggio di otto mesi nello sviluppo del linguaggio. Al Telegraph, il Professor Law ha dichiarato: “Sapevamo già che leggere ai bambini piccoli facesse bene allo sviluppo e, successivamente, ai risultati accademici, ma aver individuato un vantaggio di otto mesi è stata una scoperta inaspettata. Otto mesi significano una grande differenza nello sviluppo delle abilità linguistiche specialmente se si parla di bambini al di sotto dei cinque anni di età“.

Il punto è che le abilità linguistiche sono tra le più difficili da modificare una volta grandi. Quegli otto mesi di “vantaggio” non è detto che vengano recuperati dagli altri. Trasmettere un buon set di abilità linguistiche nei primi anni di vita (la fase della mente assorbente, come l’avrebbe definita Maria Montessori) significa dare una marcia in più ai ragazzi. Marcia in più che non deve essere vista come un vantaggio competitivo a scuola, ma come abilità per vivere bene, per costruire la propria identità e le proprie reti di relazioni.

Questa ricerca aiuta a capire l’importanza della lettura. Se stai cercando dei materiali per leggere anche tu alle tue bambine e ai tuoi bambini, dai un’occhiata alla nostra sezione dedicata alle storie. Troverai centinaia di testi per i più piccoli.

FONTI