Numeri relativi

1. I numeri relativi

I numeri che utilizziamo per contare non sono gli unici numeri esistenti. Infatti, esistono numeri il cui significato cambia a seconda del segno che li precede.

Un esempio sono i numeri che esprimono la temperatura dell’aria.

Esempio:

Durante un giornata estiva la temperatura può raggiungere +38°C.

Durante una fredda notte d’inverno, tra le montagne, la temperatura scenderà sotto lo zero e potrebbe toccare -15°C.

I numeri 38 e 15 non hanno un valore assoluto, ma relativo: esso infatti dipende dal segno + o – che li precede. Una temperatura di -15°C è molto bassa, mentre una temperatura di +15°C è fresca, come quella di un mattino di primavera. Anche se il numero 15 è lo stesso, il segno che lo precede modifica il suo valore.

I numeri come quelli che utilizziamo per esprimere la temperatura si chiamano numeri relativi e sono composti da due parti: un segno (+ o -) e un numero, o valore assoluto del numero.

Esempio:

Nel numero +45 il segno è + e il valore assoluto è 45.

Nel numero -18 il segno è – e il valore assoluto è 18.

I numeri relativi preceduti dal segno + si chiamano numeri positivi.

I numeri relativi preceduti dal segno – si chiamano numeri negativi.

2. Schede didattiche

Cliccate sulle schede qui sotto per stamparle.

i numeri relativi numeri positivi numeri negativi scuola primaria schede didattiche esercizi 1

SCOPRITE ANCHE: