Si scrive: qualcun altro o qualcun’altro?

Si scrive: qualcun altro o qualcun’altro? L’apostrofo è necessario o è scorretto?

Risposta

La grafia corretta è qualcun altro. L’apostrofo in questo caso è scorretto, poiché si tratta del troncamento di qualcuno e non di un’elisione.
Ma cos’è un troncamento? Si tratta della caduta dell’ultima vocale di una parola, che però rimane autonoma e viene scritta separata da quella successiva (mentre nel caso dell’elisione essa viene unita alla parola successiva con un apostrofo).

Per poter troncare una vocale ci sono alcune condizioni da rispettare:

  • La vocale che viene troncata deve essere atona (quindi l’accento tonico deve essere su una delle vocali precedenti).
  • La vocale che viene troncata non può essere una A.
  • La consonante che precede la vocale da troncare deve essere L, M, N, R o essere un gruppo di due consonanti che comprende una delle precedenti.
  • In alcuni casi il troncamento non riguarda soltanto l’ultima vocale, ma anche la consonante che la precede (come in grande che diventa gran e bello che diventa bel).

Esempi di troncamento: un gran giorno, un bel bambino, un gran cane, il buon uomo, can che abbaia non morde, il professor Dal Verme, qual è.

FONTI

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere ogni settimana le nostre risorse per bambini e le novità dal mondo dell'educazione positiva. Cliccate qui! Oppure unitevi al Gruppo Telegram per ricevere lì gli aggiornamenti.