Nomi primitivi e derivati

I nomi possono essere nomi primitivi o nomi derivati.

  • Un nome primitivo è formato da un prefisso e da una desinenza, che serve a riconoscere il genere e il numero del sostantivo.
    Esempio: “fiore” è un nome primitivo (“fior-” è il prefisso e “-e” è una delle desinenze tipiche dei nomi maschili singolari).
    Esempio: “mare” è un nome primitivo (“mar-” è il prefisso e “-e” è una desinenza tipica dei nomi maschili singolari).
  • Un nome derivato è formato da un prefisso, da un suffisso che ne modifica il significato e da una desinenza.
    Esempio: “fioriera” è un nome derivato da fiore (“fior-” è il prefisso del nome primitivo da cui deriva, “-ier-” è il suffisso e “-a” è la desinenza tipica dei nomi femminili singolari).
    Esempio: “marinaio” è un nome derivato da mare (“mar-” è il prefisso del nome primitivo da cui deriva, “-(in)ai-” è il suffisso e “-o” è la desinenza tipica dei nomi maschili singolari).
  • Nell’analisi grammaticale del nome si dovrebbe indicare se il nome analizzato è primitivo o derivato; nel caso si tratti di un nome derivato, è possibile anche indicare da quale sostantivo primitivo deriva.
  • Dobbiamo prestare attenzione a non confondere i nomi derivati con gli aggettivi derivati. Anche gli aggettivi derivati sono parole derivate, ma non si tratta di nomi!
    Esempio: “mare” è un nome primitivo, “marinaio” è un nome derivato da mare e “marino” è un aggettivo derivato da mare.
  • Quando non riusciamo a stabilire se una parola è un nome derivato o un aggettivo derivato, proviamo a immaginare di doverla rappresentare con un oggetto: possiamo rappresentare un marinaio e una mareggiata con semplicità; ma come si rappresenta “marino”? Non si può: questo perché è un aggettivo e, prima di raffigurarlo, abbiamo bisogno di capire a quale nome si riferisce.
    Dunque: se la parola si può rappresentare con semplicità come un oggetto, una persona o un evento, sarà un nome derivato; se invece abbiamo bisogno di sapere a cosa si riferisce, sarà un aggettivo.
  • Per approfondire il processo linguistico della derivazione vi suggeriamo questo approfondimento curato dall’Accademia della Crusca.

Elenco

Questo elenco non è esaustivo, ma è utile per comprendere il principio di derivazione dei nomi.

  • “Porta” è un nome primitivo. “Portiere” e “portiera” sono due nomi derivati da “porta”.
  • “Mare” è un nome primitivo. “Mareggiata” e “Marinaio” sono due nomi derivati da “mare”.
  • “Cane” è un nome primitivo. “Canile” è un nome derivato da cane.
  • “Acqua” è un nome primitivo. “Acquedotto” e “acquario” sono due nomi derivati da “acqua”.
  • “Pane” è un nome primitivo. “Panettiere” e “panificio” sono due nomi derivati da “pane”.

Nomi primitivi e derivati

In questa sezione potete trovare le nostre schede didattiche sui nomi primitivi e derivati per i bambini della scuola primaria. Cliccate sulle immagini o sui pulsanti per stampare le schede.

Scoprite anche il quiz interattivo sui nomi primitivi e derivati:

Attenzione: queste immagini sono protette da copyright. Riprodurle sul web – compresi i social network – senza la nostra autorizzazione scritta è vietato ai sensi di legge. È sempre permessa la stampa per uso personale (es. per colorare) e per uso didattico (es. esercizi in classe).

Le nostre schede didattiche:

Tag: nomi primitivi, nomi derivati, schede didattiche sui nomi primitivi e derivati, esercizi sui nomi primitivi e derivati