Resisto, dunque sono: le 5 frasi per essere più resilienti

Resilienza è un termine molto in voga ultimamente. Se volessimo sintetizzare questo termine in una metafora, potremmo pensarla così: quando va tutto male, ricorda che l’aereo decolla controvento.

Ecco, questo è un po’ il senso del nostro “resisto, dunque sono” quotidiano: non possiamo impedire alle cose di accadere, non possiamo evitare di soffrire, ma possiamo cercare dentro di noi la forza per sollevarci.

Come fare ad essere più resilienti? Non esiste una ricetta magica. Diciamo che siamo fisiologicamente portati a rialzarci. Per fortuna, è nel nostro DNA. Per capirlo, basti pensare che, secondo uno studio condotto dopo gli attacchi dell’11 settembre a New York, un mese dopo il 7,5% della popolazione soffriva di stress post-traumatico. Tuttavia, sei mesi più tardi, solo il 0,6% manifestava ancora questi sintomi, grazie a un processo di recupero naturale.

Le nostre frasi preferite sulla resilienza

Anche se la forza è dentro di noi, così come è racchiusa nei bambini che cresciamo, è bello fermarsi ogni tanto e focalizzare l’attenzione su alcuni pensieri che possono aiutarci a raccogliere le energie e trasformarle in nuove risorse. Qui di seguito dieci spunti, per allenarci giorno dopo giorno

Niente è impossibile

“Chi dice che è impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo”.
(Albert Einstein)

Comincia ora

“Qualunque cosa tu possa fare, qualunque sogno tu possa sognare, comincia. L’audacia reca in sé genialità, magia e forza. Comincia ora”.
(Goethe)

Volere è potere

“Nelle cose del mondo, non è il sapere, ma il volere che può”.
(Niccolò Tommaseo)

Accetta le sfide

“Quello che non mi uccide, mi fortifica”.
(Friedrich Nietzsche)

Prendi una decisione

“Io prendo delle decisioni. Forse non sono perfette, ma è meglio prendere decisioni imperfette che essere alla continua ricerca di decisioni perfette che non si troveranno mai”.
(Charles De Gaulle)

SPUNT-ESERCIZIO: DIVENTIAMO RESILIENTI

Non possiamo cercare di cambiare la nostra vita (quantomeno nei fattori che la influenzano), ma possiamo cambiare il nostro atteggiamento verso la vita. Ricordandoci che la felicità è dentro di noi e, se guardiamo nella direzione sbagliata, non possiamo scorgerla.

Essere resilienti non significa sopravvivere, resistere: significa soprattutto usare l’esperienza per costruire il futuro. Con speranza, perseveranza ed un pizzico di audacia. Noi, solo noi, siamo responsabili della nostra felicità. Ecco il più grande esempio di educazione che possiamo lasciare ai nostri figli.

Se volete approfondire, non dimenticate il nostro MINI-SAGGIO sulla resilienza, le 7C per insegnarla ai bambini ed i suggerimenti sui libri che trattano questo tema.