Imparare a conoscere le parti della foglia è uno dei primi obiettivi di un corso di scienze alla scuola primaria. In questa scheda puoi trovare il materiale stampabile, le definizioni di ciascuna parte e alcuni suggerimenti operativi.

Scopri tutte le altre lezioni sulle piante (con schede stampabili) disponibili su Portale Bambini:

LE PARTI DELLA FOGLIA: SCHEDA E DEFINIZIONI

le parti della foglia

Vuoi stampare la scheda didattica sulle parti della foglia? Clicca qui.

Osservando una foglia possiamo osservare:

  • Il picciolo, ovvero il robusto peduncolo che tiene la foglia attaccata al ramo;
  • Le nervature, che si dividono in nervature primarie (quelle più spesse) e nervature secondarie (quelle più fini); si tratta dei canali nei quali scorre la linfa, che viene lavorata attraverso la fotosintesi clorofilliana;
  • Il margine, ovvero il “contorno” della foglia; le foglie possono essere classificate in base al margine;
  • La pagina o lamina, che è la superficie piatta e allargata della foglia; ogni foglia ha una pagina superiore e una pagina inferiore;
  • Gli stomi, minuscole aperture che permettono gli scambi gassosi con la pianta (per approfondire, leggi la scheda sulla fotosintesi clorofilliana).

LE PARTI DELLA FOGLIA: LABORATORI PER LA SCUOLA PRIMARIA

Lo studio delle parti di una foglia è uno dei primi laboratori di classificazione in cui ci si può cimentare con i bambini della scuola primaria (solitamente durante la classe seconda, o terza).

È molto importante, dopo aver colorato la scheda con le parti della foglia e dopo aver scritto sul proprio quaderno la definizione di ciascuna parte, raccogliere sul campo alcuni esemplari di foglie ed esercitarsi a riconoscere dal vivo le parti. Questo compito autentico (o compito di realtà), permetterà ai bambini di perfezionare la propria conoscenza scientifica e catturerà il loro interesse. Noi suggeriamo di allenarsi al riconoscimento utilizzando molte foglie diverse: si potrebbe chiedere a ciascun bambino di portare a scuola una foglia caduta, in modo da avere un repertorio quanto più possibile ampio.

Per integrare il percorso di scienze con quello di italiano, ti suggeriamo di leggere in classe qualche poesia e filastrocca sugli alberi.

Pin It on Pinterest