nomi concreti e astratti

I nomi si possono dividere in concreti e astratti, a seconda di ciò che rappresentano. Nel nostro schema per l’analisi grammaticale del nome il terzo passaggio consiste proprio nell’individuare se il nome è concreto oppure astratto.

NOMI CONCRETI E NOMI ASTRATTI

PESCE è un nome concreto. Infatti, si riferisce ad un animale esistente, che possiamo vedere e toccare. Anche POSTINO e MARTELLO sono due nomi concreti: infatti, si tratta di una persona e di una cosa realmente esistenti, che possiamo conoscere attraverso i nostri sensi (vista, tatto, udito, gusto).

TRISTEZZA è un nome astratto. Questo nome si riferisce ad un’emozione, ovvero a qualcosa che esiste, ma che non possiamo vedere, toccare o sentire. Anche TEMPO, STANCHEZZA e MATEMATICA sono nomi astratti: si tratta di concetti reali, ma che tuttavia non possiamo percepire attraverso i sensi ma solo attraverso il pensiero.

Tutti i nomi si possono dividere in nomi concreti e nomi astratti. Esistono però alcuni nomi che, a seconda del significato che assumono nella frase, possono essere concreti oppure astratti. Vediamo un esempio:

  • “Butta via quel NOCCIOLO di pesca”. In questo caso, nocciolo indica una precisa parte della pesca ed è un nome concreto
  • “Il NOCCIOLO della questione è che sei un ingenuo”. In questo caso, invece, nocciolo è un nome astratto che identifica l’elemento centrale della questione.

Pin It on Pinterest