Un esercizio per rimuovere le barriere alla comunicazione

laboratorio di comunicazione efficace barriere alla comunicazione

Thomas Gordon, sostenitore della comunicazione efficace e dell’importanza dell’ascolto attivo, ha individuato dodici barriere alla comunicazione (di cui parla nel suo “Insegnanti efficaci“):

  • dare ordini, comandare o dirigere;
  • minacciare, mettere in guardia;
  • moralizzare e far prediche;
  • dare consigli;
  • persuadere con la logica;
  • biasimare e giudicare;
  • manifestare compiacimento;
  • ridicolizzare o usare frasi fatte;
  • analizzare, diagnosticare o interpretare;
  • consolare o rassicurare;
  • investigare o indagare;
  • minimizzare o ironizzare.

Queste barriere costituiscono un serio problema alla comunicazione tra individui, specialmente quando parliamo di comunicazione educativa. Non c’è niente di peggio di un genitore o di un insegnante che sputa sentenze, decreta giudizi o ironizza su un bambino. Se ne parla anche ne “Il nuovo metodo danese“: le famiglie danesi costruiscono un clima di serenità proprio attraverso la rinuncia al giudizio e alla predica.

LABORATORIO DI EDUCAZIONE CREATIVA©

Questo laboratorio di educazione creativa si propone di eliminare le barriere alla comunicazione attraverso la sostituzione dei “messaggi-Tu” con dei “messaggi-Io” (uno dei concetti più interessanti espressi da Thomas Gordon). Mentre il “messaggio-Tu” si basa essenzialmente sul giudizio, il “messaggio-Io” è fondato sulla soggettività. Ecco due esempi:

  • messaggio-Tu: Sei sempre tu a lasciare la camera in disordine!;
  • messaggio-Io: Quando lasci la camera in disordine, mi fai arrabbiare e perdo la calma.

Il “messaggio-Io” pone l’attenzione sugli effetti di un gesto compiuto e propone al bambino gli effetti e i sentimenti che il suo gesto ha procurato negli altri. Utilizzando un “messaggio-Io” rinunciamo ad ammonire e scegliamo di metterci in gioco, insegnando un modo di relazionarsi con gli altri molto più costruttivo del puro giudizio. Il laboratorio si adatta bene a tanti contesti diversi: famiglia, scuola, lavoro e tempo libero. Non c’è limite al potere dei “messaggi-Io”.

Utilizza questo esercizio per migliorare le tue doti di comunicazione (in famiglia, ma anche sul lavoro) e per trasmettere fiducia (non è un caso che questo esercizio sia presente anche all’interno del nostro laboratorio sulla fiducia). Per un lavoro più approfondito, affiancalo agli esercizi sulla comunicazione non verbale.

FONTI

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere ogni settimana le nostre risorse per bambini e le novità dal mondo dell'educazione positiva. Cliccate qui! Oppure unitevi al Gruppo Telegram per ricevere lì gli aggiornamenti.