×
doodle Cuorfolletto Torna alla home I nostri libri Schede didattiche Storie Disegni da colorare Feste e giornate Filastrocche Giochi Lavoretti Libro dei nomi Educazione positiva Corsi Chi siamo Contatti Privacy policy

La leggenda di Jack O’ Lantern

la leggenda di jack o lantern

Tra le storie di Halloween più conosciute ed apprezzate dai grandi e dai bambini di tutto il mondo c’è sicuramente la leggenda di Jack O’ Lantern, il personaggio che ha dato vita al fenomeno delle zucche intagliate e illuminate che tutti conosciamo.

La leggenda di Jack O’ Lantern

C’era una volta un fabbro imbroglione chiamato Jack. Una sera incontrò il diavolo in un pub; era la notte di Halloween. Il fabbro era un gran peccatore e il diavolo era venuto a prendersi la sua anima, ma Jack riuscì ad imbrogliarlo.
Disse al demonio: «Ti venderò la mia anima se mi pagherai da bere un’ultima volta».
Il Diavolo, che non aveva quattrini con sé, si trasformò in una monetina da sei pence per pagare un boccale di birra ma Jack la cacciò nel suo borsello, dove teneva una croce d’argento. Il Diavolo, intrappolato vicino alla croce, non poteva trasformarsi e Jack fece un patto con lui: «Io ti libererò ma tu per dieci anni non ti avvicinerai alla mia anima».
Il diavolo accettò e lo scambio fu fatto.
Dieci anni più tardi Jack incontrò il diavolo lungo la strada di casa: era venuto per prendere la sua anima.
«Ho un ultimo desiderio, prima che tu prenda la mia anima: vorrei che tu raccogliessi per me una mela da quell’albero».
Il diavolo si arrampicò sul melo, ma Jack incise una croce sul tronco dell’albero e il demonio rimase intrappolato tra i rami. Il fabbro propose al diavolo un secondo patto: «Io cancellerò la croce, ma tu non ti avvicinerai più alla mia anima».
Il diavolo fu costretto ad accettare.
Quando il fabbro morì fu scacciato dal paradiso poiché non si era mai pentito dei suoi peccati. Jack andò a bussare alle porte dell’inferno ma appena lo vide, il diavolo si ricordò del loro patto e lo scacciò, lanciandogli un tizzone infuocato.
Da quel giorno Jack vaga sulla terra, perché non ha un altro posto dove andare; per rischiararsi quand’è buio e per riscaldarsi quan’è freddo ha messo il tizzone del diavolo dentro una zucca, che porta sempre con sé.

La leggenda di Jack O’ Lantern – Semplificata

C’ERA UNA VOLTA UN FABBRO IMBROGLIONE DI NOME JACK. UNA SERA INCONTRÒ IL DIAVOLO IN UN PUB E DECISE DI INGANNARLO. GLI DISSE: «TI VENDERÒ LA MIA ANIMA SE MI PAGHI DA BERE». 
IL DIAVOLO ACCETTÒ E SI TRASFORMÒ IN UNA MONETINA PER PAGARE UN BOCCALE DI BIRRA AL FABBRO.
JACK PRESE LA MONETA E LA INFILÒ NEL SUO BORSELLO, DOVE TENEVA UNA PICCOLA CROCE D’ARGENTO.
IL DIAVOLO INTRAPPOLATO NEL BORSELLO PROMISE A JACK CHE IN CAMBIO DELLA LIBERTÀ AVREBBE RINUNCIATO PER SEMPRE ALLA SUA ANIMA. I DUE FECERO L’ACCORDO.
QUANDO JACK MORÌ, FU CACCIATO DAL PARADISO E ANDÒ A BUSSARE ALLE PORTE DELL’INFERNO MA IL DIAVOLO, RICORDANDOSI DELL’ACCORDO, LO SCACCIÒ LANCIANDOGLI UN TIZZONE INFUOCATO.
DA QUEL GIORNO L’ANIMA DI JACK VAGA SULLA TERRA. PER FARSI LUCE HA MESSO IL TIZZONE DENTRO UNA ZUCCA, CHE USA COME SE FOSSE UNA LANTERNA.

Sequenze da stampare

Schede per kamishibai

TORNA:

Tag: leggenda jack o lantern, leggenda jack o lantern per bambini, storia zucca halloween

Iscrivetevi alla Newsletter o al canale Telegram per ricevere gli ultimi aggiornamenti dal sito.