×
doodle Cuorfolletto Torna alla home I nostri libri Schede didattiche Storie Disegni da colorare Feste e giornate Filastrocche Giochi Lavoretti Libro dei nomi Educazione positiva Corsi Chi siamo Contatti Privacy policy

Cuorfolletto e la strega Ginevra

cuorfolletto e la strega ginevra

Avete mai visto Cuorfolletto? Non è un folletto come gli altri: è rosso ma cambia colore quando avverte un’emozione. Se incontra un bambino triste diventa grigio come un sasso e se incontra una bimba felice diventa giallo come il sole. Se fosse accanto a te – proprio adesso – di che colore sarebbe?
Cuorfolletto ha un’amica speciale, la piccola Marta: insieme vivono tante avventure incredibili.

Cuorfolletto e la strega Ginevra

Alessia de Falco e Matteo Princivalle

La strega Ginevra vuole fare uno scherzo, così si è sdraiata sul marciapiede e si è messa a piagnucolare: «Ahi! Ahi! Che mal di schiena, non riesco più a rimettermi in piedi. Qualcuno mi aiuti!»
È curiosa di scoprire se passerà qualcuno così gentile da aiutarla anche se è una strega.
I primi ad incontrarla sono un bambino con la sua mamma.
«Mamma, mamma! Aiutiamo quella signora» esclama il bambino.«Non se ne parla, quella è la strega Ginevra, chissà cos’ha combinato questa volta.»
Poi passa un signore anziano, col suo cagnolino. Il cane si accorge che quello della strega è solo uno scherzo, ma non dice nulla al suo padrone, per non rovinarle il gioco.
Suona la campanella della scuola e cominciano ad uscire i bambini, accompagnati dalle mamme, dai papà, dai nonni e dalle tate, ma nessuno si ferma ad aiutare la strega.
Per ultimi passa di lì Marta, con la sua zia Fanny e Cuorfolletto. Appena avvista Ginevra Cuorfolletto diventa blu scuro per la preoccupazione: ha sempre avuto un po’ di paura delle streghe.
«Zia, guarda: la strega Ginevra è a terra. Dobbiamo aiutarla.»
La zia Fanny, che è un’infermiera la aiuta a rimettersi in piedi e si assicura che non si sia fatta male.
«Posso farti una domanda?» chiede Marta alla strega.
«Certamente» risponde lei.
«Tu sei una strega: perché non hai usato uno dei tuoi incantesimi per rialzarti?» Ginevra si fa seria.
«In questi casi un incantesimo qualunque non basta, ci vuole la magia più potente di tutte.»
«E quale sarebbe?» chiede Marta sbalordita.
«La gentilezza! Stavo aspettando qualcuno così gentile da aiutarmi. Per fortuna siete passate tu e la zia Fanny» ridacchia la strega. Poi, con una magia fa comparire un vassoio pieno di biscotti a forma di zucca e li regala alla bambina.
«Ecco un piccolo regalo per la bambina più gentile del mondo!»
Marta sorride, grata per quel dono inaspettato e Cuorfolletto si tinge di un bel color fucsia, il colore della gratitudine.

Laboratorio

Rendere il mondo un posto migliore è più semplice di quanto possa sembrare: sarebbe sufficiente aiutare chi ha bisogno dedicando qualche minuto del nostro tempo o delle nostre competenze. Eppure, il più delle volte ci dimentichiamo dell’importanza del nostro contributo. Spesso dimentichiamo anche di ringraziare chi ha fatto qualcosa per noi: quel ringraziamento è fondamentale per rinsaldare la catena della gentilezza.
Per fortuna Cuorfolletto ha preparato la “zucca grazie-a-te”: una zucca da riempire con un pensiero di gratitudine per chi ha fatto un gesto gentile per voi.

ALTRE AVVENTURE DI CUORFOLLETTO:

SE VI PIACCIONO LE NOSTRE STORIE:

Non perdetevi le nostre favole sagge per i più piccoli. Cliccate sulle copertine per scoprire i booktrailer dei nostri libri.

TORNA A:

Iscrivetevi alla Newsletter o al canale Telegram per ricevere gli ultimi aggiornamenti dal sito.