cosa farò da grande

La forza e la crescita derivano soltanto dalla continua dedizione e dal continuo impegno.

Napoleon Hill

 

Trovo affascinante che la maggior parte delle persone pianifichi le loro vacanze con molta più cura di quanto non facciano con la loro vita. Forse perché scappare è più facile che cambiare.

Jim Rohn

 

Non c’è scommessa più persa di quella che non giocherò, non c’è montagna più alta di quella che non scalerò.

Jovanotti

Crescita personale: un viaggio da fare in famiglia

Le pagine dei social network ci regalano spesso perle di saggezza, citazioni e consigli per una vita più sostenibile. Anche noi ogni tanto scriviamo della possibilità di crescere e migliorare le nostre esistenze, rese sempre più vorticose da ritmi frenetici e travolgenti. Perché affrontiamo spesso temi come lo sviluppo personale, la meditazione, lo yoga e le discipline olistiche? Sono sicuramente argomenti che esercitano un indiscutibile fascino, ma che, se vissuti nel modo giusto, possono aiutarci ad apprezzare di più il presente.

Quando parliamo di crescita personale, il nostro obiettivo è proprio questo: chiedervi di fermarvi, anche solo qualche minuto, senza pensare ai dettami della società, ai consigli non richiesti di blogger o esperti. Quel qui ed ora che va riscoperto serve a voi, ai vostri bambini, ad essere felici. Poco importa che la felicità arrivi con un esperimento creativo, due chiacchiere, un bel libro o una passeggiata. L’importante è che illumini le vostre vite e le renda piene.
Come avrete visto, insistiamo molto e spesso su questi punti: lo facciamo credendoci, in parte per background personale, in parte per i nostro percorsi di studio ed approfondimento. Oggi dedichiamo qualche parola in più al significato di crescita personale e a come concretizzare un concetto apparentemente così astratto nelle nostre vite.

Assumiamoci la responsabilità di crescere

Cos’é la crescita personale? E’ difficile darne una definizione completa e coerente, anche se spesso leggiamo teorie su come si possa cambiare in meglio la propria vita. Come prima cosa, va detta la verità: si cresce sempre, anche quando non ce ne rendiamo conto. Questo perché è la vita stessa a porci davanti a sfide e cambiamenti, senza che spesso seguano una direzione precisa e voluta.

La crescita non è un percorso lineare, è una scelta che spesso porta a bivi e nuove partenze. Perché è importante allenarci e crescere? Fondamentalmente per tre motivi:

  • imparare ad affrontare il cambiamento
  • imparare a far tesoro dei fallimenti
  • imparare a vivere il viaggio, senza pensare ossessivamente alla meta

Nessuno può cambiare la nostra vita, se non lo vogliamo noi. Per cui il primo passo da fare è porsi alcune domande:

  • Cosa mi piace molto della mia vita?
  • Cosa precisamente voglio cambiare, se potessi?
  • Quali sensazioni che vorrei provare, oggi sento di non provare?
  • Cosa precisamente mi impedisce di sentirmi libero e felice?

La crescita personale è un percorso di sviluppo di capacità, atteggiamenti, convinzioni, valori, visioni e comportamenti che producono in ciascuno di noi nuove possibilità di scelta, fortificando consapevolezza e responsabilità. La direzione precisa e desiderata è nostra, una scelta libera e personale e necessita di un piano. A nessuno di noi piace fallire, anche se, lo ribadiamo, il fallimento è un’ottima occasione di crescita. Però, la felicità si crea, soprattutto lavorando su se stessi.

Come creare un programma di crescita personale

Come dicevamo la crescita personale è fisiologica, legata alle esperienze che viviamo. Possiamo però acquisire maggiore consapevolezza del nostro io e darci degli obiettivi su cui lavorare: empatia, resilienza, assertività, sono competenze che possono essere allenate e migliorate. Ciò accade individualmente e nella relazione con gli altri. Un programma di sviluppo personale ci aiuta a delineare il percorso fino agli obiettivi prefissati, ricordandoci la direzione da percorrere quando è necessario. Una buona preparazione diminuisce il rischio che le cose vadano male durante un viaggio: allo stesso modo lavorare sulla crescita personale riduce le possibilità di perdersi per vie tortuose e controproducenti.

Come fare a redigere il proprio piano? Potreste provare con un Diario delle Emo-Azioni:

  • definite i vostri punti di forza e debolezza
  • individuate le aree di miglioramento
  • chiedetevi perché volete migliorare e cosa comporterà nella relazione con gli altri, oltre che nel raggiungimento del vostro benessere
  • ipotizzate piccole azioni quotidiane da compiere per restare focalizzati sull’obiettivo (contate sempre fino a dieci quando state per perdere la pazienza?)
  • ripensate settimanalmente a com’è andato “il vostro viaggio” e dove potreste migliorare ancora

Per tutto il resto, dialogo e confronto sono l’arma migliore: lavoriamo insieme sulla comunicazione, verbale e non, anche grazie ai nostri spunti.

Il Gio-Coaching: la palestra della crescita personale e familiare di Portale Bambini

Noi di Portale Bambini abbiamo focalizzato l’attenzione sulla dimensione del Gio-Coaching: con i nostri esercizi potete allenarvi quotidianamente, focalizzandovi sui vostri talenti, sulla creatività e sull’intelligenza emotiva con tutta la famiglia. L’obiettivo è educarsi alla felicità, con la nostra palestra delle emozioni, ispirata ad alcuni alcuni studi scientifici (tra cui possiamo citare Gardner e De Bono).

Il sito è strutturato in due macro aree, PENSARE e FARE. Nella prima troverete i MINI-SAGGI che vi permettono di approfondire tanti temi utili per educarci alla felicità e gli SPUNT-ESERCIZI che sono invece il cuore del Gio-Coaching e l’anello di congiunzione tra teoria e pratica: articoli brevi, contenenti ciascuno un gioco-esercizio per portare la teoria nella vita quotidiana. Nella sezione FARE trovate STORIE, INDOVINELLI, LABORATORI CREATIVI, GIOCHI, SCIOGLILINGUA per mettervi alla prova divertendovi e allenando il vostro pensiero laterale, fondamentale per imparare a vedere la vita da nuove prospettive.

Genitori e bambini: libri per crescere insieme

Quali sono gli “ingredienti” di una vita ben vissuta? Si può raggiungere stabilmente la felicità? Se sì, come? Senza pretendere di elargire consigli miracolosi, ecco qualche testo da leggere per riflettere insieme. Se vi va, date anche un’occhiata al nostro eBook Felice come un FIORE, un vero percorso di crescita cre-attiva per tutta la famiglia.

La famiglia è competente di Jesper Juul

Possiamo trasformare i sentimenti di amore per i nostri figli in comportamenti capaci di esprimere questo amore e di indirizzarli verso uno sviluppo sano?
Partendo dal presupposto che volersi bene non significa automaticamente andare d’accordo, in questo saggio trovate consigli utili per trovare la propria via nell’impostare e mantenere le relazioni all’interno della famiglia in situazioni difficili e improntare la vita familiare ai propri personali valori.

Il metodo danese per crescere bambini felici di Jessica Alexander e Iben Sandahl

Il testo nasce da tredici anni di ricerca e collaborazione tra Iben Sandahl, psicologa, e Jessica Joelle Alexander, giornalista americana sposata con un danese, che raccontano come alla basa di una sana relazione genitori-figli ci sia la riscoperta dell’empatia e dell’hygge, il vero segreto della felicità.

I danesi hanno un approccio basato sul buon senso nell’educazione dei loro figli. Le autrici sono due grandi sostenitrici del tempo libero non organizzato. In altri paesi, c’è una forte pressione sui genitori affinché riempiano il tempo libero dei propri figli con attività dopo-scuola, come attività sportive o musicali. Siamo diventati una generazione di papà e mamme competitivi, ma grazie a questo manuale possiamo cambiare.

 

Inventami una storia. Racconti per crescere di Anne Floret

Un libro che offre ai genitori e ai bambini gli strumenti per creare insieme, in maniera pedagogica, ma anche divertente, delle brevi storie per meglio comunicare. Si tratta di un vero strumento di riflessione ed azione: Creare dei racconti per il proprio bambino fornisce alla famiglia delle piste per crescere, parlare e pensare insieme. In ogni capitolo i genitori potranno reperire le chiavi simboliche che permetteranno loro di creare dei racconti adatti alle problematiche dei più piccoli.