Giochi sensoriali

giochi sensoriali

Scoprite tanti giochi sensoriali per bambini in questa raccolta.

Giochi sensoriali

IL GIOCO DEGLI AROMI
Età: 4+ anni
Giocatori: da 1 a 4 
Materiali: 6 o più erbe aromatiche diverse, una benda per ciascun giocatore
Dove si gioca: su un tavolo, all’interno o all’esterno di casa

  • Raccogliete alcuni mazzetti di erbe aromatiche profumate, facendo attenzione a non mescolarle tra loro.
  • Lasciate essiccare le erbe all’aria aperta (ma senza esporle alla luce diretta del Sole) per un giorno, facendo attenzione a non mescolarle.
  • Lavate e asciugate bene un vasetto di vetro (quelli della marmellata sono perfetti) per ciascun mazzetto: in ogni vaso dovrete mettere un’erba diversa. Per esaltare l’aroma potete sminuzzare le foglie essiccate eliminando il gambo.
  • Prima di cominciare il gioco, assicuratevi che i bambini conoscano i nomi delle erbe aromatiche. Osservate insieme ciascuna erba e fategliele annusare.
  • Bendate i giocatori.
  • Fate annusare a ciascun giocatore un barattolo e chiedetegli di indovinare l’erba aromatica che contiene. Quando avrà dato la sua risposta, passate ad un altro barattolo fino ad esaurirli. Annotate le risposte di ogni giocatore su un foglietto.
  • Quando tutti i giocatori avranno concluso il gioco, potrete togliere le bende e conteggiare i punti: ogni aroma indovinato vale 1 punto.
  • Non buttate le erbe aromatiche che avete utilizzato per il gioco: potrete utilizzarle per insaporire qualche manicaretto preparato in casa!

Obiettivo: questo gioco è un gioco di memoria olfattiva (i bambini imparano a conoscere alcuni aromi, che poi dovranno riconoscere utilizzando esclusivamente il senso dell’olfatto). Inoltre, attraverso il gioco faremo conoscere ai più piccoli le erbe aromatiche, protagoniste della cucina mediterranea che si possono coltivare con facilità anche su un balcone o su un davanzale.

SCOPRITE ANCHE:

IL GIOCO DELLA NATURA

Età: 4+ anni
Giocatori: da 1 a 4 
Materiali: oggetti naturali (ramoscelli, foglie, sassi, fiori, bacche e frutti), una benda per ciascun giocatore
Dove si gioca: su un tavolo e sul pavimento, all’interno o all’esterno di casa

  • Prima di cominciare, si benda ciascun giocatore.
  • Su un tavolo, disponete in sequenza gli oggetti naturali che utilizzerete per il gioco. Più oggetti avete, più il gioco sarà divertente.
  • A turno, i giocatori dovranno toccare gli oggetti (seguendo l’ordine) e indovinare di cosa si tratta.
  • Quando un giocatore finisce la sequenza, prima di far cominciare il giocatore successivo, vi consigliamo di modificare l’ordine degli oggetti.
  • Quando un giocatore finisce la sequenza, ottiene 1 punto per ogni oggetto che ha indovinato.
  • Nella seconda parte del gioco, i giocatori – sempre bendati – dovranno togliere le scarpe e le calze e riconoscere gli oggetti disposti sul pavimento toccandoli con i piedi.

Obiettivo: questo gioco lavora sul senso del tatto, un senso particolarmente sottosviluppato nelle nostre società, allenando la capacità di discriminare le diverse sensazioni tattili.

SCOPRITE ANCHE:

MEMORY SENSORIALE

Età: 4+ anni
Giocatori: 1 o 2
Materiali: oggetti naturali a coppie (ramoscelli, foglie, sassi, fiori, bacche e frutti), una benda per ciascun giocatore, un sacchetto o un cestino
Dove si gioca: su un tavolo

  • Prima di cominciare, si benda ciascun giocatore.
  • Sul tavolo, disponete tutti gli oggetti naturali. Dovrà esserci una coppia per ciascun oggetto.
  • Si gioca uno per volta. Il giocatore di turno dovrà toccare gli oggetti, trovarne due identici e metterli nel sacchetto o nel cestino.
  • Se ha individuato una coppia, ottiene 1 punto, mentre se ha preso due oggetti diversi non ottiene alcun punto.
  • Quando il primo giocatore avrà esaurito gli oggetti sul tavolo, sarà il turno del secondo giocatore.

SCOPRITE ANCHE:

MEMORY SENSORIALE 2

Età: 4+ anni
Giocatori: da 1 a 3
Materiali: piccoli oggetti naturali a coppie (ramoscelli, foglie, sassi, fiori, bacche e frutti), un bicchiere opaco o una ciotola per ciascun oggetto. Ideali i bicchieri di carta
Dove si gioca: su un tavolo

  • Disponete tutti gli oggetti sul tavolo, poi copriteli con i bicchieri. È fondamentale che i bicchieri o le ciotole che utilizzerete non siano trasparenti: non si deve vedere l’oggetto nascosto al di sotto!
  • Mescolate i bicchieri facendo chiudere gli occhi a tutti i giocatori: in questo modo non ricorderanno la posizione degli oggetti.
  • A turno, ciascun giocatore dovrà sollevare due bicchieri cercando di trovare una coppia di oggetti.
  • Se il giocatore di turno scopre due oggetti uguali, ottiene 1 punto e può fare un altro tentativo.
  • Se il giocatore di turno scopre due oggetti diversi, copriteli di nuovo e passate il turno a un altro giocatore.
  • Quando viene scoperta una coppia, togliete dal tavolo i due oggetti e i due bicchieri corrispondenti.
  • Quando tutte le coppie saranno state scoperte, vincerà il giocatore che avrà totalizzato il maggior numero di punti.

IL GIOCO DEI TRAVASI
Proporre ai bambini di 24- 36 mesi giochi con l’acqua è sempre una carta vincente. L’importante è che ci sia la presenza silenziosa dell’adulto e che gli strumenti messi a disposizione siano sicuri. Ecco uno dei travasi più semplici, ma più stimolanti per i bambini: quello con la spugna
Quello che serve è molto poco: due ciotole e una spugna, poggiate su un vassoio, su di un tavolino a misura di bambino, dove egli può sedersi e cimentarsi in questa interessante attività di spremere e manipolare acqua e spugna.
Altra attività è quella che insegna a versare l’acqua, attraverso l’uso di una piccola brocca, come in questa immagine. Il bambino impara, così, a dosare la sua forza, a sperimentare la leggerezza e la pesantezza dei materiali e a prestare attenzione.

PICCOLI GIARDINIERI
Un’altra attività che piace molto ai bambini è quella di annaffiare! Proprio per questo, per spazi grandi o piccoli, attraverso facili accorgimenti si può dare al bambino questa opportunità e fargliela vivere come il suo primo compito importante, prendendosi cura delle sue piante o del terreno. Occorre solo un piccolo innaffiatoio e uno spazio dedicato, in modo che il bambino sappia che quello è l’angolo per annaffiare e non porti l’acqua ovunque!
Quando le regole vengono verbalizzate e spiegate, anche se molte mamme pensano che i bambini siano troppo piccoli per capire, vengono assorbite e attraverso il nostro esempio vengono immagazzinate e, dopo le prime volte, vedrete come anche i bambini più piccoli sapranno che c’è uno spazio per alcune cose.

IL GIOCO DELLA PESCA
Un’altra divertente attività, che suscita sempre interesse e allo stesso tempo affina la manualità, è quella del pescare. Anche qui, non serve molto e con poco ( e variando spesso) si possono creare giochi molto divertenti.
Occorre una pentola o due contenitori, uno pieno d’acqua in cui vengono messi oggetti vari ( una volta possono essere conchiglie, una volta pesciolini galleggianti oppure sassi o palline) e un colino che aiuti il bambino a prendere gli oggetti e trasportarli fuori dall’acqua. Vedrete che, dopo il vostro esempio, il bambino apprenderà l’uso di questo oggetto e si divertirà ad impegnarsi per riuscire in questo intento!
Si può variare questo gioco mettendo due ciotole uguali, e un contagocce in modo che il bambino affini ancora di più la motricità e attraverso il gioco, sperimenta misure, quantità e oggetti.

L’ENIGMA DEL SUONO
Tipologia: competitivo, gioco sensoriale
Materiali: bende per i giocatori, un cucchiaio di legno, vari oggetti di uso comune (pentole, barattoli, posate, etc.)
Giocatori: 4-8
Età: 4-10 anni
Ruoli: animatore (adulto), direttore d’orchestra, sfidanti
Regole:

  • Tutti gli sfidanti vengono bendati e disposti di fronte al direttore d’orchestra;
  • Il direttore d’orchestra prende il cucchiaio di legno; l’animatore posiziona tutti gli oggetti di gioco di tra il direttore e i partecipanti, in modo che il direttore d’orchestra possa percuoterli con il cucchiaio di legno
  • Al via, il direttore comincia a “suonare” uno degli oggetti; gli sfidanti devono riconoscere di che oggetto si tratta (naturalmente, prima dell’inizio della partita, nessuno tra i partecipanti deve vedere quali oggetti verranno utilizzati);
  • Se un giocatore pensa di aver indovinato l’oggetto, dovrà alzare la mano e l’animatore gli darà una possibilità per indovinare;
  • Dopo qualche minuto di gioco, è possibile cambiare il direttore d’orchestra e continuare a giocare.

Questo semplice gioco sensoriale, insieme al direttore d’orchestra costituisce una delle attività più semplici di riconoscimento dei suoni sotto forma ludica; si tratta di un avvicinamento alla musica e alla musicalità molto importante per i bambini, che in questo modo avranno occasione di concentrarsi su suoni diversi da quelli mainstream proposti dalla società (sigle e colonne sonore di film e film d’animazione, ritornelli dei videogiochi e delle pubblicità, etc.). Può essere inserito a pieno titolo tra i giochi musicali. Perché questo gioco riesca al meglio, l’animatore dovrà essere abile a scandire i tempi, le pause e le interazioni, evitando che i partecipanti possano perdere l’attenzione e al tempo stesso che il passaggio da un oggetto all’altro sia troppo frenetico. Con l’aumentare dell’età dei partecipanti, inoltre, si potranno introdurre un maggior numero di oggetti, rendendo il riconoscimento via via più difficile. È buona cosa che l’animatore, prima di proporre il gioco, verifichi e sperimenti in prima persona il suono dei vari oggetti, per capire se è possibile distinguerli oppure no.

CACCIA Al TESORO NATURALE
Età: 4+ anni
Giocatori: da 1 a 4 
Materiale: non occorrono materiali particolari
Dove si gioca: in una radura o in un bosco

  • Al VIA, i giocatori cominciano a cercare nel bosco o nella radura in cui si gioca tutti i materiali naturali che riescono a trovare. I giocatori hanno 15 minuti per completare la loro ricerca.
  • I giocatori ottengono 1 punto per ogni materiale che riescono a trovare.
  • La regola fondamentale è: “Nessun materiale può essere strappato alla natura. Vengono conteggiati solo gli oggetti raccolti per terra”.

Obiettivo: Questo gioco ha l’obiettivo di far riscoprire la bellezza nelle piccole cose che la natura ci dona.
Varianti: Questo gioco si può proporre sia in forma individuale che formando due squadre.

LA CASA DELLE FATE

Età: 4+ anni
Giocatori: 1 o 2
Materiale: fogli di carta in formato A4, materiali naturali, colla vinilica
Dove si gioca: in una radura o in un bosco, oppure a casa dopo aver raccolto i materiali naturali durante una passeggiata

  • Sul foglio di carta si disegna la sagoma di una casetta: sarà la casetta delle fate!
  • Adesso i giocatori dovranno costruire la casetta vera e propria, riempendola con i materiali naturali. Ad esempio si potrebbero usare dei fiori per il tetto, delle foglie per il pavimento e dei piccoli ramoscelli o dei fili d’erba per i muri.
  • Provate e riprovate finché non troverete una combinazione che vi soddisfa: a quel punto potrete fissare i materiali naturali al foglio utilizzando la colla vinilica.

Obiettivo: Sperimentare una forma d’arte diversa dal classico “matite, tempere e pennarelli”, abituare l’occhio e la mente a riconoscere i diversi materiali naturali e a trovare armonia in essi.

BARCHETTE DI NOCE
Età: 4+ anni
Giocatori: 1 o più
Materiale: noci con il guscio, stuzzicadenti o fiammiferi, cera fusa o plastilina, foglie o strisce di stoffa
Dove si gioca: ovunque ci sia uno specchio d’acqua (si può giocare anche nella vasca da bagno)

  • Aprite la noce con l’aiuto di un adulto e prendete una metà del guscio.
  • Con la cera fusa o la plastilina, fissate sul fondo del guscio lo stuzzicadenti (dopo averlo privato delle punte) o il fiammifero: diventerà l’albero della barchetta.
  • Quando l’albero sarà ben fissato, infilate una foglia o una striscia di stoffa delle giuste dimensioni all’albero: sarà la vela della barchetta.
  • Infine, appoggiate delicatamente in acqua la barchetta e provate a farla navigare soffiando delicatamente sul retro della vela.

Obiettivo: Scoprire che piccoli artefatti tecnologici si possono realizzare in modo semplice e divertente anche a casa, ricorrendo al fai da te e ai materiali naturali.

SCOPRITE TANTI ALTRI GIOCHI TRADIZIONALI:

Volete riscoprire i giochi tradizionali dei cinque continenti? Leggete i libri della collana “Parole e giochi dal mondo”, che curiamo per ITL-Libri: ogni volume contiene una selezione di giochi da tanti paesi diversi.

i racconti del beija-flor

TORNA A:

Tag: giochi sensoriali, giochi sensoriali bambini, giochi sensoriali per bambini

Iscrivetevi alla newsletter per ricevere ogni settimana le nostre risorse per bambini e le novità dal mondo dell'educazione positiva. Cliccate qui! Oppure unitevi al Gruppo Telegram per ricevere lì gli aggiornamenti.