Conosci il kamishibai? Kamishibai, in giapponese, significa “teatro di carta” ed è un modo di raccontare storie particolarmente popolare nel Giappone degli anni ’20 e ’30.

Si trattava di teatrini portatili, in legno o in cartonato, che venivano utilizzati dai kamishibaja, cantastorie erranti che giravano tra i paesi e i villaggi in bicicletta. I kamishibaia raccontavano le loro storie aiutandosi con dei fogli illustrati, che infilavano e sfilavano nel proprio teatrino: in questo modo, bambini e ragazzi potevano seguire il racconto aiutandosi con le immagini.

Il kamishibai, purtroppo, è stato soppiantato dalla tv, ma si tratta di una tecnica narrativa estremamente affascinante, che sarebbe bello portare nelle scuole e nei laboratori artistici e narrativi. Così, abbiamo deciso di costruire un kamishibai tutto nostro e di realizzare un tutorial per insegnare a tutti come realizzarne uno in poche e semplici mosse.

KAMISHIBAI FAI DA TE: ISTRUZIONI

Prima di cominciare, devi recuperare questi materiali:

  • Scatolone di cartone;
  • Taglierino o forbici;
  • Colla vinilica.

Per cominciare, bisogna realizzare lo scheletro del nostro Kamishibai: noi abbiamo utilizzato le pieghe naturali della scatola di cartone per realizzare le ante laterali, il tettuccio superiore e la base inferiore. Per il foro al centro, abbiamo utilizzato come guida un foglio A4 e lo abbiamo ristretto di circa 2 cm per ogni lato. Ecco come lo abbiamo realizzato:

Se non ti fosse possibile utilizzare le pieghe del cartone, dovrai realizzare separatamente tutti i singoli componenti e in seguito incollarli con delle linguette.

Dopo aver realizzato il lato frontale, passiamo al retro: in questo caso è più semplice, perché basterà un lato rettangolare (delle stesse dimensioni di quello frontale) con la sua base:

Adesso, dovrai realizzare tre rettangoli di cartoncino; dovrai utilizzarli per distanziare il lato frontale del kamishibai dal retro: nello spazio che si verrà a creare, si inseriranno i fogli con le illustrazioni per ciascuna storia.

Per incollare i tre ritagli di cartoncino, abbiamo girato la faccia del kamishibai e abbiamo centrato un foglio A4; poi, abbiamo incollato i distanziatori con della colla vinilica:

Eccoci all’ultimo passaggio: abbiamo incollato il retro del kamishibai ai distanziali di cartoncino. Dopo averlo incollato, metti dei libri o degli altri oggetti pesanti sul kamishibai chiuso e lascia asciugare la colla per un paio d’ore.

Il kamishibai “grezzo” è pronto: per utilizzarlo, dovrai aprire le due alette della base in modo da far rimanere il teatrino in piedi. Potrai utilizzare l’apertura laterale per inserire e sfilare i fogli illustrati.

Naturalmente, prima di utilizzare il tuo kamishibai potresti decidere di colorarlo. Noi, ad esempio, abbiamo utilizzato i colori a tempera e uno stile ibrido cubista/surrealista:

kamishibai

Tu potresti decidere anche di utilizzare altri colori e altri motivi. Potresti anche “foderare” il kamishibai con della gomma crepla o ricorrere al decoupage o al mosaico. Esiste un’infinità di tecniche di pittura e decorazione attraverso le quali si può arricchire il teatrino di carta.

NOTA CONCLUSIVA: noi abbiamo realizzato un kamishibai con il retro pieno. Questo vuol dire che le illustrazioni che andremo ad infilare e sfilare saranno esclusivamente immagini. Si può anche decidere di ritagliare l’apertura anche sul retro (quello che nella foto è dipinto di nero): in questo caso, è possibile scrivere sul retro di ogni illustrazione il testo della scena corrispondente. Così facendo, il lavoro dei piccoli narratori è molto semplificato.

 

   

Pin It on Pinterest