Filastrocche di Gianni Rodari sulla Pasqua

Gianni Rodari è uno dei nostri autori preferiti. Riprendiamo sempre volentieri le sue rime, cariche di spunti di riflessione e significati profondi. Oggi abbiamo raccolto le Filastrocche scritte sul tema della Pasqua.

Con delicatezza ed ironia, l’autore ci fa riscoprire tutta la tenerezza di questa ricorrenza. Protagonisti delle rime di Gianni Rodari sono proprio i simboli e le figure legati a questa festa che ci riportano all’infanzia: uova di cioccolato, coniglietti, campane, pulcini.

É ARRIVATO UN TRENO CARICO DI …

É arrivato un treno carico di …
Il quarto vagone è riservato
a un pasticcere rinomato
che prepara, per la Pasqua,
le uova di cioccolato
Al posto del pulcino
c’è la sorpresa.
Campane di zucchero
suoneranno a distesa.

DALL’UOVO DI PASQUA

Dall’uovo di Pasqua
è uscito un pulcino
di gesso arancione
col becco turchino.
Ha detto: “Vado,
mi metto in viaggio
e porto a tutti
un grande messaggio”.
E volteggiando
di qua e di là
attraversando
paesi e città
ha scritto sui muri,
nel cielo e per terra:
“Viva la pace,
abbasso la guerra”.

CAMPANE DI PASQUA

Campane di Pasqua festose
che a gloria quest’oggi cantate,
oh voci vicine e lontane
che Cristo risorto annunciate,
ci dite con voci serene:
“Fratelli, vogliatevi bene!
Tendete la mano al fratello,
aprite la braccia al perdono;
nel giorno del Cristo risorto
ognuno risorga più buono!”
E sopra la terra fiorita,
cantate, oh campane sonore,
ch’è bella, ch’è buona la vita,
se schiude la porta all’amore.

IL PULCINO MARZIANO

Ho visto, a Pasqua, sbarcare
dall’uovo di cioccolato
un pulcino marziano.
Di certo il comandante
di quell’uovo volante
di zucchero e cacao
con la zampa ha fatto ciao.
E il gatto, per la sorpresa,
non ha detto neanche: “Miao”.

Ecco qui gli altri articoli che abbiamo preparato su Gianni Rodari:

Grammatica della fantasia: il Gianni Rodari che ci insegna a “vivere creativi”

Metti le ali al pensiero creativo, con queste filastrocche 

Le più belle filastrocche di Gianni Rodari